Ucraina, la Corte Europea dei Diritti Umani in favore dei manifestanti di “EuroMaydan”

22.01.2021 - Riccardo Noury

Quest'articolo è disponibile anche in: Greco

Ucraina, la Corte Europea dei Diritti Umani in favore dei manifestanti di “EuroMaydan”
(Foto di Wikimedia Commons)

Il 21 gennaio la Corte Europea dei Diritti Umani (CEDU) si è pronunciata su una serie di ricorsi, stabilendo che le autorità ucraine al potere nell’inverno 2013-2014 si resero responsabili di arresti illegali, di sequestri di persona e dell’uccisione di un manifestante durante la repressione delle “proteste di Euromaydan” contro la decisione del governo di Kiev di non portare avanti l’accordo di associazione tra l’Ucraina e l’Unione Europea.

La sentenza della Corte Europea arriva sette anni dopo la tragica repressione delle proteste che scossero l’Ucraina e portarono alla deposizione del presidente Viktor Yanukovych. Ma è di stretta attualità e riguarda anche e soprattutto le autorità di oggi, che non hanno quasi mai reso giustizia alle vittime delle violazioni dei diritti umani di “EuroMaydan”.

Su 288 incriminazioni di pubblici ufficiali per la repressione di “Euromaydan”, in soli nove casi si è giunti a una sentenza di condanna.

 

Categorie: Diritti Umani, Europa
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.