Sentenza per i due Ottoni a Scoppio: 5 mesi. Una vergogna

15.12.2020 - Milano - Andrea De Lotto

Sentenza per i due Ottoni a Scoppio: 5 mesi. Una vergogna
(Foto di Andrea De Lotto)

Questa mattina, 15 dicembre, musica davanti al Tribunale di Milano: sono in 17 a suonare, l’atmosfera è quella di sempre, sorridente, allegra, scanzonata, sbeffeggiante. La musica di chi è stanco di chiedere ancora una volta un permesso al lavoro per essere lì davanti, a parare i colpi di una giustizia ingiusta. La voglia di suonare forte. Gli Ottoni sono soprattutto fiati sparati fuori, polmoni che si riempiono, colpi su un tamburo gigante e pesante, voglia di esserci, di farsi sentire.

Questa è la loro colpa: silenzio. Vogliono il silenzio. Solo il rumore delle rotaie del tram, degli autobus che frenano e ripartono, i tubi di scappamento delle automobili. Basta. Questi devono essere gli unici suoni di questa città. E invece da più di 30 anni gli Ottoni a Scoppio si affiancano a qualsiasi lotta di resistenza, lotte degli ultimi, delle periferie, dei vecchi partigiani, dei quartieri popolari, contro i soprusi e i prepotenti. Da anni il loro fiato è come un vento che dà forza alle fragili vele delle lotte, ai gruppi sparuti che in questa città cercano di difendere i diritti dei più deboli. Stanno in parte e quando glielo dicono attaccano a suonare, possono suonare tre pezzi come dieci. Loro ci sono.

C’erano anche quella volta di sei anni fa in piazza Scala. Il 7 dicembre, un classico, quasi come il 12 e il 15. E’ il trittico milanese. La spina dorsale della resistenza, della denuncia, della memoria. Altro che shopping.

E invece ci vogliono tutti a fare shopping, non bisogna manifestare, farsi sentire, ancor peggio suonare. Suonarono anche quel giorno e da quel poco che successe Questura, Digos e giudici sono riusciti a tirar fuori dal cilindro accuse pesanti: resistenza a pubblico ufficiale. E oggi il giudizio: 5 sentenze, dai 4 ai 7 mesi. 5 mesi con la condizionale per i due Ottoni che erano in possesso di un pericoloso tamburo e un pericolosissimo sassofono. E soprattutto suonavano.

Ma perché non sono stati a casa loro? Questa è la sintesi della sentenza.

Perché si sono messi in mezzo?

Perché non fanno come la cosiddetta fantastica “maggioranza silenziosa” che appunto sta a casa e sta zitta?

No, loro, come si dice in Val di Susa, c’erano, ci sono e ci saranno. E noi con loro. Sempre.

Grazie Ottoni e ora in appello. Con un po’ più di coscienza, di rabbia, ma soprattutto con ancora più fiato.

Categorie: Cultura e Media, Diritti Umani, Europa
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.