Rita Segato: la democrazia deve diventare femminista

18.12.2020 - Lateinamerika Nachrichten

Quest'articolo è disponibile anche in: Tedesco

Rita Segato: la democrazia deve diventare femminista

“La ‘vera democrazia esistente’ come la conosciamo soffre di due grandi problemi che ne ostacolano lo sviluppo: uno è il razzismo, poiché l’idea di differenti gruppi etnici è modellata da una ‘prospettiva coloniale’; l’altro è il conflitto di genere, che viene trasportato da una generazione all’altra e che sta diventando sempre più acuto perché le donne non sono viste come membri a pieno titolo della comunità civica – nemmeno oggi ”, afferma l’analisi dell’antropologa e femminista argentina Rita Segato.

La violenza contro le donne è contro l’umanità intera, e non solo la sua metà

La Facoltà di Filosofia e Letteratura dell’Università dell’UNAM a Città del Messico ha istituito una cattedra speciale nell’ottobre 2019 in collaborazione con il programma di studio PUEDJS Democrazia, giustizia e società. Vari intellettuali e politici, tra cui Rafael Correa, Rita Segato, Marcela Lagarde, Enrique Dussel, Víctor M. Toledo, Jenaro Villamil e John Ackerman, dovrebbero essere invitati a parlare del tema “Democrazia oggi: pensarla e ripensarla. Visioni storiche, interdisciplinari globali”. Nella sua conferenza dal titolo “Democrazia e femminismo”, Segato ha sollevato la questione “perché i crimini contro le donne sono generalmente considerati crimini di minore importanza”. Quando si tratta di democrazia e femminismo, è particolarmente evidente che l’indagine sulla questione di genere ha acquisito enorme importanza nel discorso nell’ultimo decennio, mentre la violenza contro le donne come “problema sociale e strutturale” sta diventando sempre più acuta. La violenza contro le donne non è una questione di minoranza. Non la metà ma l’intera umanità ne è colpita. Segato, che ha vissuto lei stessa in Brasile per molti anni, ha denunciato il razzismo nel più grande paese latinoamericano e ha fatto riferimento, tra l’altro, all’inadeguato accesso della popolazione afro-brasiliana alle università e ai college. Ha parlato di “ipocrisia della democrazia liberale” e di “morale di facciata” del Brasile. Tuttavia, questo quadro crolla non appena attori come Jair Bolsonaro o Donald Trump entrano nella scena politica e riconoscono apertamente l’ostilità verso le donne e il razzismo.

Violenza contro le donne: un campo di pratica per eccellenza di tutte le forme di violenza

Segato ha criticato la “tendenza alla minoritarizzazione” della lotta femminista e ha descritto la violenza di genere come un aspetto centrale della violenza strutturale nel sistema capitalista: la violenza di genere è un terreno fertile e un campo di sperimentazione per tutte le forme di violenza che sono dirette contro la società nel suo insieme. È qui che la violenza viene appresa e riprodotta in primo luogo, dalla violenza nella vita di tutti i giorni ai conflitti armati tra le nazioni. Anche qui Segato vede un problema in espansione che minaccia l’integrità della democrazia. È necessario porre fine all’impunità, che è particolarmente sostenuta dagli spettri conservatori. I conservatori tendevano a descrivere la violenza contro le donne come un problema di minoranza. È un errore che la società paga a caro prezzo , perché: “La violenza di genere è un problema sociale che colpisce sia le donne che gli uomini”. Secondo la logica del patriarcato, lo stupro è sia violenza che “discorso”: la vittima diventa sospettata di “disobbedienza” e percepita come cattiva; lo stupratore si occupa quindi della “disciplina, del rimprovero morale”. Questo spiega perché le vittime sono così spesso stigmatizzate dai giudici durante il processo.

Le donne non sono membri a pieno titolo della società democratica

“Questa assurdità dev’essere superata dall’umanità. Per quanto riguarda l’appartenenza a una comunità civica, le donne non sono persone a pieno titolo, non siamo membri a pieno titolo dello Stato democratico, non apparteniamo realmente”, ha concluso Segato, aggiungendo: “I crimini contro le donne sono semplicemente considerati crimini di minore importanza, ed è a questo che tutto si riduce“.

Traduzione di Lorenzo Paveggio.

 

Categorie: America Centrale, Genere e femminismi, Politica
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.