Colombia. Il nuovo presidente della JEP dichiara: “La JEP è inderogabile e lo Stato colombiano e i suoi governanti devono rispettare i doveri derivanti dal processo di pace”

23.11.2020 - Bogotà - Redaccion Colombia

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Colombia. Il nuovo presidente della JEP dichiara: “La JEP è inderogabile e lo Stato colombiano e i suoi governanti devono rispettare i doveri derivanti dal processo di pace”
Foto dall'account della JEP su Twitter

Con una chiara difesa della pace, della Costituzione e della Giurisdizione speciale per la pace (JEP), il 4 novembre si è insediato il nuovo presidente della JEP, il giudice Eduardo Cifuentes Muñoz, che resterà in carica per due anni.

Nel suo discorso inaugurale, il giudice Cifuentes ha affermato che la pace è un desiderio dei colombiani e che, per realizzarla, la JEP è indispensabile: “È una giustizia che esige la completa verità e l’assunzione di responsabilità. Se questo non si realizzerà all’interno del conflitto che ha lacerato la Colombia negli ultimi cinquant’anni, il nostro destino collettivo e individuale sarà incerto e indegno”.

“È una giustizia che esige la completa verità e l’assunzione di responsabilità. Se questo non si realizzerà all’interno del conflitto che ha lacerato la Colombia negli ultimi cinquant’anni, il nostro destino collettivo e individuale sarà incerto e indegno”: Eduardo Cifuentes

Il magistrato Cifuentes ha proposto un movimento etico e spirituale per la pace, da rinnovare ogni giorno, “per avere nazione e diritti”.  In un’urna, che rimarrà presso la sede della JEP, il nuovo Presidente ha depositato il suo impegno irrevocabile per la pace. “Questo vale per ogni giorno della mia vita”, ha detto, e alla fine del suo giuramento ha esclamato: Viva la pace!

Il primo a unirsi al movimento in difesa della pace proposto dal nuovo presidente del JEP è stato il nipote Martín Vargas Cifuentes. “Lo faccio per tutti i bambini e gli adolescenti di questo Paese, che hanno il diritto, che nessuno ci può rubare, di vivere in pace”, ha detto Martin, 12 anni, liceale.

L’urna che sarà installata presso la JEP per raccogliere i messaggi in difesa della pace avrà anche una versione virtuale, in modo che ogni cittadino possa partecipare.

L’atto di insediamento è avvenuto all’aria aperta all’ultimo piano della sede della JEP. Il presidente uscente, la giudice Patricia Linares, della Divisione d’appello, ha accolto il giuramento del suo successore, il giudice Eduardo Cifuentes.

Pochi minuti dopo, anche la giudice Alexandra Sandoval Mantilla, della sala Amnistia o Indulto, ha assunto l’incarico di vicepresidente della Giurisdizione, sostituendo la giudice Xiomara Balanta Moreno. Nel suo discorso di apertura, la giudice Sandoval ha ringraziato il lavoro della giudice Patricia Linares, presidente uscente della JEP. “Lei ha dimostrato che noi donne possiamo fare un lavoro impeccabile nell’area dirigenziale quando i soffitti di vetro sono rotti”, ha detto a Linares.

Inoltre, la giudice Sandoval ha ribadito il suo impegno a favore degli approcci differenziati che governano la JEP, soprattutto per quanto riguarda il genere e l’etnia: “È possibile pensare a un mondo più egualitario”, ha detto Sandoval.

Incontro con i giornalisti

Al termine del giuramento del Presidente e del Vicepresidente della JEP, il giudice Cifuentes si è rivolto a un gruppo di giornalisti. Ha assicurato loro che la JEP è sostenuta da un solido quadro giuridico: “L’accordo di pace è una norma sufficientemente blindata e rafforzata, e contro di essa si vanificano tutti i tentativi elettoralistici che cercano effettivamente di trasformare la pace in una questione puramente elettorale. Questo non è possibile. La JEP è inderogabile nel diritto interno e internazionale, e lo Stato colombiano e i suoi governanti devono rispettare i doveri derivanti dal processo di pace”, ha detto.

“La JEP è inderogabile nel diritto interno e internazionale, e lo Stato colombiano e i suoi governanti devono rispettare i doveri derivanti dal processo di pace”: Eduardo Cifuentes

Il presidente della JEP ha anche detto che i casi 01 e 03, su rapimento e ‘falsi positivi’, sono prossimi ad adottare determinazioni scritte di fatti e comportamenti. “Questo è uno sviluppo significativo da parte della JEP. Stiamo parlando di un treno della giustizia funzionante e in rapida evoluzione.

La giurisdizione sta già producendo effetti in termini di verità e giustizia. La politica deve rispettare il diritto e l’autonomia della Giurisdizione. E’ quindi curioso che quando la JEP comincia a scoprire la verità, comincia a scoprire le fosse comuni, comincia a far valere i diritti delle vittime, i settori politici cercano di abrogarla. Questa è paura della verità”.

” Quando la JEP comincia a scoprire la verità, comincia a scoprire le fosse comuni, comincia a far valere i diritti delle vittime, i settori politici cercano di abrogarla. Questa è paura della verità”: Eduardo Cifuentes

Categorie: Diritti Umani, Sud America
Tags: , , , , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.