Brasile, elezioni locali: mai così tanti candidati indigeni

11.11.2020 - Associazione per i Popoli Minacciati

Quest'articolo è disponibile anche in: Tedesco

Brasile, elezioni locali: mai così tanti candidati indigeni
Marcia delle donne indigene in Brasile come resistenza alla politica repressiva di Bolsonaro (Foto di Eliane Fernandes / GfbV)

Domenica prossima, 15 novembre, il Brasile terrà le elezioni locali. Si dovranno eleggere 39 sindaci, 73 vice sindaco e 2.082 posti di consigliere comunale. Quest’anno sono 2.194 gli indigeni che si sono candidati per questi posti, il 28% in più rispetto alle ultime elezioni amministrative di quattro anni fa. La situazione politica degli indigeni in Brasile è peggiorata notevolmente negli ultimi due anni. Sono ormai in tanti a essere preoccupati per le crescenti invasioni di territori, gli incendi boschivi devastanti e il degrado ambientale, la demarcazione vacillante dei territori indigeni e l’incuria mostrata verso le comunità indigene nella pandemia. Molti indigeni scelgono quindi di impegnarsi nel quadro delle strutture democratiche.

Le posizioni politiche dei candidati indigeni non sono affatto sempre identiche: sono divisi in 32 partiti, alcuni dei quali sono molto diversi. Ma alcune richieste uniscono anche i candidati più diversi, come la protezione dell’ambiente e la lotta per il riconoscimento dei territori indigeni. “Difendere la terra significa difendere gli abitanti della terra” – questo è il motto di Eloy Jacintho. Il quarantaduenne Guarani Nhandewa è un attivista indigeno che è stato consigliere comunale a Santa Amélia. “I consiglieri indigeni sono ora più necessari che mai. Manca l’acqua, ci sono troppi incendi e malattie, e l’impatto sul futuro delle comunità indigene sarà devastante”, dice.

“A Boa Vista non abbiamo mai avuto consiglieri indigeni, nonostante i quasi 20.000 indiani che vi abitano. Ora più che mai abbiamo bisogno di essere presenti nei posti dove si prendono le decisioni. È una forma di resistenza”, spiega Ariane Sussui, 23 anni, del popolo Wapichana. È arrivata in politica come volontaria per la campagna elettorale del deputato federale Joênia Wapichana. È la prima (donna) indigena del parlamento brasiliano. Joênia è stata eletta nel 2018 ed è un modello e un faro di speranza per molti che quest’anno si candidano a livello comunale.

Queste storie di successo sono importanti perché incoraggiano gli altri. Anche se le ragioni dell’impegno sono spesso drammatiche: è sempre meglio avere più candidati indigeni e, alla fine, più indigeni nei municipi e nei parlamenti. Essi controbilanciano gli interessi della lobby dell’agricoltura e delle materie prime e, in ultima analisi, vanno a beneficio dell’intero paese.

L’organizzazione ombrello delle popolazioni indigene del Brasile, APIB, gestisce un database di candidati indigeni. È disponibile solo in portoghese all’indirizzo www.campanhaindigena.org.


Categorie: Comunicati Stampa, Politica, Popoli originari, Sud America
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.

maltepe escort