Come da tradizione anche quest’anno la Giornata Internazionale della Nonviolenza è stata celebrata nel quartire fiorentino dell’Isolotto, quartiere che ha una tradizione sociale e culturale legata a questo tema da tempi molto lontani con la collaborazione delle istituzioni locali e della BiblioteCaNova in sinergia con la Piccola Scuola di Pace “Gigi Ontanetti” nelle sue varie componenti e il Sangha “Fiume di Pace”.

Anche quest’anno l’evento ha avuto come centri le scuole del quartiere la BiblioteCaNova, a sottolineare l’importanza che l’educazione, la formazione e la cultura rivestono per lo sviluppo della cultura della nonviolenza.

L’emergenza covid e il maltempo non hanno permesso di realizzare le bellissime attività che avevano caratterizzato il 2 ottobre dell’anno scorso quando mentre partiva la Seconda Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza da Madrid, in tutto il mondo si celebrava la nonviolenza e all’isolotto la BiblioteCanova su gioiosamente invasa dai bambini del quartiere che avevano fatto per le strade dell’Isolotto, dipinto panchine con i colori della pace, lasciato piccoli messaggi in giro.

Quest’anno tutto si è dovuto realizzare nel rispetto delle norme igienico sanitarie: i bambini a scuola hanno realizzato le loro personali colombe della pace ispirate a quelle di Picasso mentre i grandi, alla biblioteca, hanno alternato momenti di meditazione, di approfondimento e di interscambio sulla crisi, il ringraziamento, la riflessione e la risposta nonviolenta. Nella comune convinzione che dai momenti di crisi possa nascere una risposta nuova, evolutiva per tutta l’umanità.

Foto di Beatrice Barbieri e Olivier Turquet