Spezzare i fili

09.08.2020 - Bogotà, Colombia - Gloria Arias Nieto

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Spezzare i fili
Immagine di Max Boschini (CC BY-NC 2.0)

4 agosto 2020. El Espectador

Mi manca la mia insegnante di filosofia. Si chiamava Gloria Cabo ed era una donna dolce e brillante. Mi chiedo come sarebbero ora le sue dissertazioni sulla struttura e sulle forme del pensiero, cioè sulla logica; cosa ci direbbe oggi sull’ontologia e sullo studio dell’essere… quale essere? il redentore, l’assassino o l’artista? colui che sopravvive alle guerre e a se stesso? Come sarebbe l’allegoria della caverna, una versione pandemica: uomini e ombre, il confronto tra sentimenti e conoscenza; le catene che immobilizzano e permettono di vedere solo il muro sullo sfondo; il virus sullo sfondo; il rantolo.

Ci mancano i filosofi ai tavoli di discussione; gli umanologi, capaci di darci visioni sociali, allarmi politici che ci facciano preoccupare e occupare di tutto ciò che sta crollando, al di là del microscopio.

Cos’altro ci serve per rompere i fili delle marionette? Non voglio essere un cavallo nell’arena del toro. Il tempo passa, e la malattia del 2020 continua a mettere a tacere tutte le altre tragedie, come se non fossero vere, come se fossero allucinazioni.

A che punto le nostre coscienze sono diventate impermeabili? Abbiamo sostituito l’urgenza della fame con l’urgenza dei respiratori. Abbiamo perso la nostra capacità di pensare ad ampio spettro?

Così come i corpi molto malati hanno bisogno di cure intensive, le società vulnerabili hanno bisogno di un’assistenza drastica e continua, di sostegno economico e politico. Ed è necessario essere svegli, con la capacità di reagire, non di modellarci come se fossimo 50 milioni di gelatine ipnotizzate.

Dobbiamo essere molto malati se non sentiamo il lutto e il rifiuto ad ogni colpo che distrugge la vita di un contadino. Se non proviamo dolore per ogni firmatario di pace assassinato, e non siamo capaci di guardare nessuno negli occhi e dire che no, non se lo “meritava”, perché nessuno merita di essere ucciso sul marciapiede, per aver commesso l’audacia di scambiare la pistola con una zappa. Morte sistematica, estinzione o genocidio. Vediamo se smettiamo di farci spaventare dalle parole e ci ribelliamo una volta per tutte contro i fatti.

Dovremo fare una spedizione attraverso la realtà; vediamo se ci rendiamo conto del paese in cui viviamo, e ci lasciamo alle spalle il pallore di una Colombia avvolta nel panno rosso della povertà, e con il corpo spezzato dalle trappole della violenza. Attenzione al disinteresse per la riforma rurale e alla mutilazione del bilancio per la pace del 2021:

Il progetto, presentato il 28 luglio, prevede una diminuzione del 45% degli investimenti tra il 2020 e il 2021 per l’Agenzia di Sviluppo Rurale: in milioni di dollari, si passa da 194.900 a 106.708 dollari; e nel totale, una diminuzione di oltre il 35%. Per l’Agenzia nazionale per la terra, gli investimenti diminuiscono del 14% e il totale di oltre 34 miliardi di dollari. La Ricostruzione del Territorio non riceverà più 1815 milioni di dollari di investimenti. E così via… Vale a dire, il punto 1 dell’Accordo di pace dovrà essere difeso con le unghie e con i denti, e se quest’anno molti degli ex combattenti della guerriglia che hanno firmato l’Accordo di pace hanno dovuto fare collette per pagare le case e i progetti produttivi, calcolate cosa succederà l’anno prossimo. Senza risorse non c’è pace (#SinRecursosNoHayPaz) e, allo stato attuale delle cose, l’Accordo di pace dirà con sempre maggiore angoscia: “Non riesco a respirare”.

Presidente Duque: Sono due anni che cerchiamo di spiegarle che senza pace non ci sarà nessun Paese. Le restano ancora due anni per adempiere al suo giuramento, per salvare migliaia di vite e non passare alla storia come il governo che ci ha strappato via la pace.

 

Traduzione dallo spagnolo di Silvia Nocera

Categorie: Opinioni, Pace e Disarmo, Sud America
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.