Gloria Arias Nieto

Médica y periodista, columnista de El Espectador. Promotora de procesos de paz y reconciliación. Miembro del movimiento Defendamos la Paz (DLP) @gloriariasnieto

Colombia

4 maggio 2021 el Espectador Al contrario del suo presidente, la Colombia è capace di ascoltare e di sentire la voce e la pelle del suo popolo, il dolore degli stracci rossi appesi alle finestre affamate, il contrasto tra la…

Preferiamo essere un fiume piuttosto che uno stagno

27 aprile 2021. El espectador Perché accendiamo le candele? Perché preghiamo o scriviamo? Perché una scultura, una bandiera o un ti amo? Forse perché a volte crediamo di essere infiniti; non siamo nati per mollare e se potessimo scegliere, preferiremmo…

Armi? No, grazie

6 aprile 2021. El Espectador Come se non contassimo già abbastanza vittime della violenza, la senatrice del Centro Democratico María Fernanda Cabal ha proposto di “rendere più flessibile il porto d’armi, come in precedenza” quando “le persone potevano dimostrare il…

Donne che costruiscono il futuro: Sandra Ramírez

Il suo vero nome è Griselda Lobo. Figlia di una famiglia di contadini, si è unita alle FARC all’età di 17 anni; con loro ha lavorato come infermiera e nelle comunicazioni; per 23 anni è stata la compagna di Manuel Marulanda…

JEP, verità e ricostruzione

2 febbraio 2021. El espectador Il 28 gennaio i detrattori della JEP (Giurisdizione Speciale per la Pace, n.d.t.) sono rimasti senza argomenti. Il ritornello che ha dato loro il trionfo nel plebiscito e nelle elezioni è crollato come crollano tutte…

La logica della virtù

26 gennaio 2021. El Espectador Cinque parlamentari del Polo Democratico hanno deciso di donare il loro aumento salariale (in modo retroattivo) agli operatori sanitari del Chocó. In silenzio, senza chiasso, senza chiedere permesso ai trasformatori e ai consumatori di marmellata,…

Quel 1970

Nell’anno di Apollo 13, dell’elezione di Salvador Allende, della magia infinita di Let it be e dell’invasione della Cambogia da parte degli americani, in quello stesso 1970 in cui non c’era posto per ulteriori sconvolgimenti, la notte del 19 aprile, in…

S.O.S. per Iván Cepeda e per la democrazia

8 settembre 2020. El Espectador Sulle scrivanie di una volta c’erano degli oggetti pesanti che schiacciavano gli appunti e i frammenti di memoria che qualcuno scriveva. Si chiamavano fermacarte, e da bambina mi chiedevo cosa sarebbe successo alle parole che…

Colombia: pensare è un verbo sovversivo

1 settembre 2020. El Espectador Da tanto immaginare come suonerà la voce del domani restiamo silenziosi dinanzi al grido del presente. Si dice che ci si debba prendere cura dei bambini e dei giovani, perché saranno i creatori, gli operai…

Non è normale

18 agosto 2020. El Espectador Mi ribello alla normalità che uccide e inchioda gli INRI alla porta dei nemici del regime. Non mi rassegno all’orrore che si è radicato nella nostra vita quotidiana, come la ragnatela che cerca di ingarbugliare…

1 2