Ruanda: no al carbone vegetale, in cucina arriva il gas

04.06.2020 - Agenzia DIRE

Ruanda: no al carbone vegetale, in cucina arriva il gas
(Foto di Missioni Consolata)

L’85 per cento degli abitanti di Kigali, la capitale del Ruanda, che conta 1,4 milioni di persone, fa affidamento sul legno o il carbone vegetale per cucinare. Un problema sia per l’ambiente che per la salute delle persone, che alla lunga potrebbero sviluppare problemi respiratori. Per questo il governo ha deciso di metterlo al bando, con l’impegno di favorire l’utilizzo in cucina del gas.

Le autorità pensano infatti di offrire dei bonus, con attenzione ai nuclei famigliari meno abbienti.

Tanto impegno non è motivato solo dall’amore per l’ambiente: il consumo di carbone vegetale alimenta il traffico illegale, incoraggiando la deforestazione selvaggia con gravi ricadute sull’ambiente. A gestire il commercio spesso sono esponenti dei gruppi armati operativi nella vicina Uganda o Repubblica democratica del Congo, che in questo modo si assicurano introiti finanziari con cui proseguire la propria militanza, con rischi per le popolazioni. Per questo i governi dei Paesi vicini, tra cui anche il Kenya, hanno già adottato misure analoghe per bloccarne la compravendita.

Categorie: Africa, Ecologia ed Ambiente
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.