Egitto, ennesimo arresto di un giornalista e il video che documenta l’irruzione della polizia in casa sua

16.06.2020 - Vincenzo Imparato

Egitto, ennesimo arresto di un giornalista e il video che documenta l’irruzione della polizia in casa sua
(Foto di pagina Facebook di Mohamed Mounir)

Ieri si è tornato a parlare di Egitto. Questa volta non solo per gli affari che il Governo italiano continua ad avere con la dittatura di al-Sisi, neppure per la reticenza dei nostri ministri sul caso di Giulio Regeni e Patrick Zaki, ma per due dei tanti avvenimenti che da anni sono la conseguenza della repressione egiziana.

I due episodi di ieri riguardano la tragica morte di Sarah Hegazy e l’arresto di Mohamed Mounir, un giornalista e obiettore di coscienza egiziano.

La notizia della morte di Sarah Hegazy ha già fatto il giro del mondo.

Il suicidio di Sarah dimostra come un arresto, lo scopo di censurarti e mettere a tacere quello che sei o rappresenti, provoca dei traumi che influiscono sul resto della vita, mettendo a dura prova l’anima che potrebbe uscirne in frantumi. Inoltre, questa è una ulteriore dimostrazione di come gli arresti e le persecuzioni a danno degli obiettori di coscienza che ormai avvengono regolarmente in Egitto, sono atroci e un crimine contro tutti i diritti umani.

Ancora ieri, l’altro episodio di violenza del regime egiziano, riguarda l’arresto di Mohamed Mounir, un giornalista egiziano e fondatore del fronte per la difesa della libertà dei giornalisti. Mohamed è stato arrestato nella sua abitazione, a Sheikh Zayed City, una zona a est del Cairo. Al momento non si sa ancora dove sia stato portato. Le sue condizioni di salute sono molto delicate, il 65enne soffre di obesità e la detenzione potrebbe mettere a rischio la sua incolumità.

Sabato scorso la polizia aveva già tentato di arrestarlo, facendo irruzione in casa sua non trovando però nessuno. Anche se non era in casa, il giornalista è riuscito a documentare la tentata aggressione attraverso le telecamere di sicurezza situate nel suo palazzo, rendendo pubblico di come la polizia assalta la sua abitazione e di fatto anticipando come realmente sarebbe avvenuto il suo arresto.

Link al video

Nel video si vede chiaramente il modo in cui in Egitto vengono svolte le operazioni di cattura a danno degli obiettori di coscienza. Come commento ai video, Mohamed ha poi dichiarato attraverso un comunicato che la sua vita da qual momento sarebbe stata in pericolo.

Il mandato d’arresto è partito dopo aver partecipato a un programma televisivo per commentare un dibattito tra la Chiesa ortodossa e il magazine egiziano Rose al-Youssef.

“Nel suo intervento ha semplicemente detto la sua opinione personale”, dice in un comunicato su Facebook la famiglia di Mohamed, “non ha mai incitato all’odio o messo in pericolo la sicurezza nazionale”.

Un membro del board del sindacato dei giornalisti, Mohamed Saad Abdel Hafeezm, attraverso un post su Facebook ha dichiarato che Mounir è il terzo iscritto al sindacato ad essere arrestato, raggiungendo gli altri 16 che al momento sono ancora in detenzione.

Categorie: Africa, Diritti Umani
Tags: , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.