Aborto ed educazione sessuale, le proteste spingono il Parlamento polacco a fare marcia indietro

17.04.2020 - Riccardo Noury

Aborto ed educazione sessuale, le proteste spingono il Parlamento polacco a fare marcia indietro

Forse i parlamentari polacchi puntavano sulla distrazione e sul lockdown. Con le persone chiuse in casa, immaginavano che sarebbe stato più semplice approvare due proposte di legge che avrebbero ulteriormente ristretto l’accesso ai servizi di aborto e vietato l’educazione sessuale nelle scuole.

Le proteste invece ci sono state: virtuali sì, ma anche fisiche: forti, creative, rumorose e nel pieno rispetto delle norme anti-assembramento e del distanziamento sociale. Così il Parlamento ha deciso di rinviare i testi in commissione, per ulteriori approfondimenti.

Se approvata, la prima proposta di legge impedirebbe l’interruzione di gravidanza in caso di malformazioni congenite del feto e lascerebbe legale l’aborto solo in caso di stupro, incesto o quando la salute del bambino o della madre è compromessa.

La seconda renderebbe praticamente impossibile informare i giovani su questioni come il consenso, la contraccezione e la prevenzione di infezioni a trasmissione sessuale.

 

Categorie: Diritti Umani, Europa
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.