Coronavirus: la cartina tornasole dei tagli alla sanità e al welfare

16.03.2020 - Fabrizio Maffioletti

Coronavirus: la cartina tornasole dei tagli alla sanità e al welfare
(Foto di http://www.salute.gov.it/)

Stiamo assistendo, come sempre a misure straordinarie, al carosello delle proposte, come sempre variegato e a tratti bislacco.

Sono previste misure economiche, sforamenti dal rapporto deficit/PIL, acquisti straordinari di presidi e attrezzature mediche, si parla di riutilizzare ospedali dismessi.

Il taglio di posti letto e servizi nel SSN è stato costante negli ultimi 15 anni, e il trasferimento alle Regioni delle competenze del SSN, legge che dobbiamo a Berlusconi, comincia a mostrare molti limiti.

La crisi del 2008, concretizzata in Italia nel 2012, le misure del Governo Monti per non essere commissariati dalla Troika, hanno creato gravi problemi sociali, nel tempo è sensibilmente aumentato il numero delle persone senza fissa dimora.

Il grossi limiti delle politiche d’integrazione dei migranti in Italia, ulteriormente massacrate dal precedente governo e l’assenza di politiche europee serie in merito, ha contribuito ad elevare il numero delle senza persone senza fissa dimora.

I limiti della giustizia, la carcerazione preventiva, la non depenalizzazione di alcuni reati, l’assenza di investimenti nella gestione e costruzione di nuove strutture, hanno contribuito al sovraffollamento delle carceri italiane.

Tutto questo sta emergendo prepotentemente in questa situazione emergenziale provocata dal Covid-19.

Quando è cominciato a diventare chiaro quanto fosse il Coronavirus contagioso e impegnativo per il SSN, per cui l’unica soluzione fosse la prevenzione, la gestione e il sovraffollamento delle carceri, la gestione dei CPR e l’impossibilità delle persone senza fissa dimora a “stare a casa” è inevitabilmente emerso.

Ai carcerati sono stati vietati i colloqui con i parenti: ma quali misure vengono prese per proteggere i detenuti delle carceri e trattenuti nei CPR?

Gli agenti delle Forze dell’Ordine, gli impiegati all’interno delle strutture detentive: sono forniti di mascherine per evitare di contagiare i detenuti/trattenuti? Risulterebbe di no.

Di fatto si sono vietati i colloqui ai detenuti delle carceri, ma il personale con il quale sono costantemente a contatto non utilizzerebbe le misure preventive adatte a scongiurare epidemie all’interno delle strutture.

Se in una cella da 7/8 persone, una di queste si rivela Covid-19 positivo: quali misure vengono prese?

I CPR hanno strutture adatte all’isolamento sanitario di migranti Covid-19 positivi? Sembrerebbe di no.

Trieste ha chiuso gli help center, i “dormitori” per le persone senza fissa dimora, a Torino attualmente sono contingentati in osservanza delle misure restrittive, sono state aperte nuove strutture per permettere la prevenzione del contagio  delle persone senza fissa dimora?  Risulterebbe di no.

I CAS, gli SPRAR, le cooperative che fanno assistenza alle persone socialmente più deboli, sono state fornite dei presidi sanitari adatti? Parrebbe d no.

Sono conscio del fatto che la situazione è emergenziale, ma cosa impareremo da tutto ciò?

Il coronavirus ha infettato tutti i “cavalli di battaglia” della destra: sta ormai diventando chiaro che il problema di questo paese non sono i migranti, che abbiamo bisogno dell’Europa, magari al netto delle “gaffe” della Lagarde, di un’Europa non del Consiglio Europeo, ma del Parlamento Europeo.

L’Italia si sta scoprendo solidale, che è il contrario dell’individualità, stiamo scoprendo che il benessere del singolo non esiste senza il benessere di tutti, questa è forse la grande lezione che c’impartisce questa emergenza.

Finita questa emergenza, spero che inizi il periodo della lotta: per potenziare il SSN, per potenziare il Welfare, per non abbandonare famiglie con persone diversamente abili a carico, per misure che tutelino le persone più fragili.

Categorie: Diritti Umani, Europa, Opinioni, Salute
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.