Bentornato in libertà, Behrouz!

14.11.2019 - Riccardo Noury

Bentornato in libertà, Behrouz!
(Foto di Amnesty International)

Behrouz Boochani, lo scrittore e giornalista curdo iraniano trattenuto per oltre sei anni sull’isola di Manus a causa delle politiche australiane in tema di asilo e immigrazione, è atterrato il 14 novembre in Nuova Zelanda, invitato da Amnesty International e altre organizzazioni a prendere parte a un festival letterario.

Straordinario esempio di resistenza e resilienza, durante la detenzione in condizioni inumane e degradanti nel centro per richiedenti asilo di Manus (dove si sono registrati oltre 10 suicidi) Boochani è riuscito a trasmettere centinaia di messaggi via Whatsapp che hanno dato vita a un libro di enorme importanza, “Nessun amico se non le montagne” (Add Editore), e a collaborare regolarmente con numerose testate internazionali tra cui The Guardian.

Se oggi il mondo conosce il modo crudele con cui l’Australia tiene alla larga dalle sue frontiere i richiedenti asilo, molto del merito va a Boochani.

 

Categorie: Diritti Umani, Oceania
Tags: , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.