Il Mediterraneo e la necessità della diplomazia della pesca

11.09.2019 - Domenico Letizia

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Il Mediterraneo e la necessità della diplomazia della pesca
(Foto di Jp valery via burst.shopify.com)

L’emergere di nuove visioni economiche legate alla blue economy e alla tutela ecosostenibile del patrimonio liquido del bacino del Mediterraneo ha generato numerosi approfondimenti e prospettive tese alla tutela del mar Mediterraneo e alla valorizzazione del suo complesso ecosistema.

Tra i principali focus, oggetto di attenzione da parte di istituzioni europee e di numerose Organizzazioni Non Governative, vi è quello della pesca e della cooperazione tra i protagonisti di tale settore e di quello dell’acquacoltura. L’insostenibilità della pesca è un problema tra i più urgenti a livello internazionale, come le Nazioni Unite e la FAO non mancano di sottolineare, presentando una innumerevole quantità di dati, studi, analisi e rapporti.

Tra le ultime pubblicazioni che hanno focalizzato l’attenzione sulla regione del Mediterraneo e del Mar Nero emerge un quadro allarmante ma anche qualche indicazione positiva di timido miglioramento della situazione. Nella corsa contro il tempo per garantire da un lato cibo sufficiente ai 9 miliardi di persone che popoleranno la terra entro il 2050, dall’altro tentare di ridurre l’impatto ambientale associato ad agricoltura e pesca e a combattere gli effetti dell’inquinamento e del cambiamento climatico, le Nazioni Unite hanno lanciato nel 2015 l’Agenda per lo sviluppo sostenibile 2030. L’Agenda include 17 obiettivi chiave, uno dei quali è dedicato interamente alla pesca.

Le Nazioni Unite continuano a sottolineare la necessità di lavorare per la conservazione e l’uso sostenibile degli oceani e delle risorse marine. Tra i paesi con la più alta attività di pesca, a confronto tra le quantità medie del periodo 2005-2016, abbiamo la Cina. Invece, il Perù e il Cile nel 2016 hanno avuto una forte riduzione di pescato, quasi interamente dovuta alla minore presenza di acciughe del Pacifico per cause ambientali.

Una situazione preoccupante è presente anche nel Mediterraneo. L’Italia è il secondo maggior produttore di pesca nel Mediterraneo e Mar Nero, con volumi di poco inferiori alle 250mila tonnellate e un valore di 754 milioni di euro. Il Mar Mediterraneo si trova attualmente nel peggiore stato di tutti i mari europei, con circa il 90% degli stock ittici sovra sfruttati e alcuni ad alto rischio di completo collasso. Il nasello europeo, la triglia, e la rana pescatrice sono tutti pescati a livelli circa 10 volte più alti di quelli che sono considerati sostenibili, secondo i parametri e gli studi della Commissione Europea. Nonostante i regolamenti e le procedure giuridicamente vincolanti hanno stabilito di eliminare gradualmente la pesca eccessiva entro il 2020, i progressi finora compiuti dall’Unione Europea non sembrano produrre successo. Analisi confermate più volte dal Comitato scientifico, tecnico ed economico per la pesca (CSTEP) dell’Unione Europea. Nota dolente è la pesca a strascico che deve confrontarsi con il fermo di pesca aggiuntivo e che rischia di essere depotenziata con una riduzione di almeno il 40 per cento nei prossimi 5 anni. Sono numerose le organizzazioni che richiamano l’attenzione alla tutela, alla valorizzazione e alla cooperazione per comprendere e continuare a far vivere il bacino del Mediterraneo. A tal riguardo, risultano importanti i progetti internazionali di sviluppo sostenibile legati al Mediterraneo. Tra le ultime proposte innovative, merita attenzione il progetto “Surfish – Foresting Mediterranean Fish Ensuring Traceability and Authenticity”, a cui partecipano, in Italia, la “Gi.&Me. Association” e l’associazione “Slow Food Tebourba”, in Tunisia, che insieme ad operatori italiani, spagnoli, tunisini, egiziani e libanesi stanno lavorando alla valorizzazione del patrimonio ittico nel Mediterraneo, al monitoraggio e all’analisi della tracciabilità, della sostenibilità e dell’autenticità del pescato del nostro mare comune.

L’idea è quella di lanciare una cooperazione in tema di pesca e tutela del mare, interrogando i protagonisti principali che affacciano sul Mediterraneo e ponendo attenzione alle attività ecosostenibili. Una nuova diplomazia della pesca che attraverso studio, analisi e controllo vuole agire al fine di tutelare la biodiversità del Mediterraneo e delle sue coste.

Categorie: Ecologia ed Ambiente, Europa, Non categorizzato
Tags: ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 16.11.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.