Il meglio e il peggio dell’umanità, fianco a fianco a Samos

04.07.2019 - Gemma Bird

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Greco

Il meglio e il peggio dell’umanità, fianco a fianco a Samos
(Foto di Gemma Bird)

C’è un’isola nel Mar Egeo meridionale che fino a pochi anni fa era conosciuta solo come meta turistica; poi è diventata un Hotspot o Centro di accoglienza per rifugiati che è stato ignorato e poi, di recente, sono arrivati i media.

I media sono arrivati per raccontare le storie del peggio dell’umanità, i danni inflitti agli esseri umani da altri esseri umani. Per spiegare le orribili condizioni di vita, la dipendenza da tende invece che da un adeguato riparo, le lunghe file per accedere al cibo, i servizi igienici limitati, i topi, i serpenti, la violenza di genere,  i bagni e le docce rotte, i servizi igienici e le docce sempre insufficienti.

Durante la giornata, da un altoparlante rimbombano istruzioni che si possono sentire non solo nel centro di accoglienza, ma anche trasportate dal vento fino alla cittadina che lo circonda. Istruzioni per ottenere un codice a barre che ti permette di unirti ad un’altra coda e ricevere i tuoi tre pasti al giorno… e ogni coda può richiedere molte ore. Oppure istruzioni per partecipare al prossimo incontro, o per avvisare che è scoppiato un incendio nelle vicinanze, in uno spazio dove le persone vivono in tende, in alloggi inadeguati e senza un’adeguata protezione dal fuoco, dai serpenti o dalla disidratazione causata dal calore.

Questo è il peggio dell’umanità.

Eppure, all’interno di questo spazio, c’è una seconda storia. Una storia di membri della comunità di rifugiati, che ogni giorno offrono le proprie capacità, la propria gentilezza e la propria generosità per fare volontariato presso una delle ONG presenti sull’isola. Che lavorano come traduttori, cucinano il cibo per gli altri, preparano il tè, offrono uno spazio amichevole e accogliente per sfuggire al Centro di accoglienza, danno lezioni di musica, di fitness, di yoga, di inglese, di greco e lavano i vestiti degli altri. Persone che a loro volta sono bloccate nel limbo in attesa di una procedura di asilo che le trattiene sull’isola per mesi o per anni. Queste persone offrono speranza agli altri, un luogo dove andare, un volto sorridente, un aiuto linguistico in una riunione legale o con un’équipe medica, forniscono sostegno a chi altrimenti potrebbe essere in difficoltà.

Sentiamo parlare molto delle organizzazioni di volontariato e dei volontari che vengono da tutto il mondo per sostenere i rifugiati, ma sentiamo parlare meno dei membri stessi della comunità di rifugiati che lavorano instancabilmente per aiutare gli altri. Queste persone sono il meglio dell’umanità, bloccate in uno spazio pieno del peggio. C’è un’enorme dipendenza dal volontariato per tappare i buchi dove lo Stato e gli attori internazionali hanno fallito. In Grecia, in Italia, negli Stati Uniti, in tutto il mondo gli individui si riuniscono e si formano gruppi per colmare lacune che non dovrebbero nemmeno esistere.

Eppure non dovrebbe essere necessario. C’è una crisi umanitaria ai confini dell’Europa e un’ascesa di partiti politici, che nel migliore dei casi sono indifferenti e nel peggiore crudeli. Gli Stati, gli attori internazionali, i singoli individui, tutti devono fare di più per combattere una situazione che è crudele e ingiusta e tradisce un gran numero di persone in fuga dalle persecuzioni, dalla sofferenza e dalla guerra. Cercare asilo non deve prolungare la sofferenza, ma porvi fine. Nell’isola di Samos ci sono esempi sia del meglio che del peggio dell’umanità; collettivamente dobbiamo continuare a lottare per il meglio e per porre fine al peggio.

 

 

 

 

Categorie: Europa, Migranti
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.