La pena di morte ai suoi estremi: in Nigeria graziato un centenario, in Egitto un minorenne

12.06.2019 - Riccardo Noury

La pena di morte ai suoi estremi: in Nigeria graziato un centenario, in Egitto un minorenne

Dopo 19 anni nel braccio della morte, giudicato colpevole di aver commissionato un omicidio, il 7 giugno Pa Celestine Egbunuche è uscito da una prigione di massima sicurezza dello stato di Enugu, in Nigeria.

Il provvedimento di grazia, recita un comunicato ufficiale, “è dovuto alle condizioni di salute e all’età avanzata” dell’ormai ex detenuto: Pa Celestine Egbunuche ha 100 anni.

Appena scarcerato, è stato ricoverato in ospedale. Nonostante sia entrato in prigione a 80 anni compiuti e ne sia uscito centenario, la sua salute è soddisfacente.

Come quella di Hatem Zaghloul (nella foto), arrestato nel 2014 in Egitto quando era ancora minorenne e condannato a morte lo stesso anno in un “maxi-processo” di 545 imputati al termine del quale vennero emesse altre 528 sentenze capitali per un attentato mortale a una stazione di polizia del Cairo.

Con grande tenacia i suoi avvocati e le ong Reprieve e Amnesty International hanno cercato di dimostrare la sua innocenza. Ci sono riusciti: la sentenza è stata ridotta a 10 anni e poi l’11 giugno è arrivata la grazia.

 

Categorie: Africa, Diritti Umani
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.