TAV: dopo quella dei costi chi fa l’analisi dei malefici?

25.02.2019 - Firenze - Redazione Italia

TAV: dopo quella dei costi chi fa l’analisi dei malefici?
(Foto di No tunnel TAV)
Dopo la visita a Firenze di Marco Ponti e Francesco Ramella con la benemerita iniziativa di Idra dove si è parlato di analisi costi benefici delle grandi infrastrutture, non potevano mancare le chiacchiere degli ultimi “Giapponesi nella giungla” a sostegno del progetto più disgraziato che si sia visto a Firenze. Così, sia il sindaco Dario Nardella che l’assessore regionale Vincenzo Ceccarelli continuano a raccontare che i fantasmagorici tunnel serviranno ai pendolari e che non costeranno nulla all’erario perché sono in autofinanziamento delle Ferrovie.
Chi vuol ascoltare queste favole senza alcun spirito critico faccia pure, ma i dati ufficiali della Presidenza del Consiglio danno i finanziamenti del Passante fiorentino come totalmente pubblici.
Il Comitato No Tunnel TAV è stanco di dimostrare, dati alla mano, che quelli lanciati sono falsi, ma è bene ricordare alcune cifre ricavate da documenti pubblici di Nodavia: si è realizzato circa il 30% dell’appalto che comprende anche la realizzazione dello Scavalco (già ultimato), del “sottoattraversamento” vero e proprio si è fatto circa il 20% e non si è scavato nemmeno un centimetro di tunnel. A fronte di questo si hanno extra costi, al 2016, di 399 milioni di euro.
Il Comitato saluta per questo con piacere la notizia di sottoporre ad analisi costi-benefici il progetto fiorentino e spera si facciano anche i conti di quanto costano cantieri fermi che non possono ripartire per gli errori progettuali esistenti.
Resta però sullo sfondo e pare dimenticata la possibile analisi COSTI-MALEFICI di quest’opera; cioè non si parla più degli impatti estremamente negativi che in parte sono già emersi:
• l’impatto sulla falda che è ormai definitivamente sbilanciata e a niente servono i pozzi drenanti realizzati
• si dimenticano i danni che verrebbero causati agli immobili se iniziasse lo scavo delle gallerie
• si tace sul nefasto impatto urbanistico che avrebbe lo spostamento del trasporto a lunga percorrenza da Santa Maria Novella ai Macelli
Questo per ricordare solo i principali problemi irrisolti, senza però dimenticare la fervida fantasia istituzionale che nell’ultimo anno si è sbizzarrita a spostare tutto il trasporto pubblico su gomma alla stazione Foster, tanto per non lasciarla totalmente deserta come dicono le funeste previsioni…
Certo, tutto si fa per i pendolari, per i Fiorentini, per il lavoro…
Speriamo che una seria analisi costi benefici faccia tornare la ragione a Firenze.
Comitato No Tunnel TAV Firenze
Categorie: Comunicati Stampa, Ecologia ed Ambiente, Europa, Politica
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.