RdC, Nigeria e Senegal: prove di democrazia

26.02.2019 - Raffaele Masto

RdC, Nigeria e Senegal: prove di democrazia

Nell’arco di pochi giorni in Africa si è votato in tre significativi paesi: nella Repubblica Democratica del Congo, in Nigeria e in Senegal. Le ultime due elezioni sono appena avvenute tanto che non si conoscono nemmeno i rirultati definitivi. In Congo invece c’è stata la tanto attesa svolta: ha vinto Felix Tchissekedi, figlio dello storico oppositore Etienne Tchissekedi e il presidente uscente Joseph Kabila è diventato finalmente il presidente “uscito”. Certo, c’è stata la polemica e le critiche, probabilmente vere, sul fatto che tra Kabila e Tchissekedi ci sia stato un accordo per una sorta di “Ticket” al potere, ma questa è la politica che è fatta anche da accordi sottobanco, loschi e di interesse. Sta di fatto che oggi il presidente della RDC non è Joseph Kabila.

In Nigeria si stanno attendendo i risultati definitivi. La sfida era tra il presidente uscente Buhari e il suo rivale, l’uomo d’affari e già ex vice presidente Abubakar Atiku. La consultazione però ha conosciuto un fatto veramente inedito, la sospensione a poche, pochissime ore dall’apertura dei seggi. Si doveva votare il 16 e il voto è stato spostato di una settimana, al 23. Nessuno ha mai spiegato in modo credibile perché ciò sia avvenuto. Ora si attendono i risultati e, secondo molti, ci sono seri rischi che verranno accolti con proteste e violenze da una parte e dall’altra.

Infine il Senegal che a differenza dei casi precedenti, che riguardano veramente due paesi simbolo del continente, è un piccolo paese ma a suo modo un simbolo anch’esso. In Senegal c’è veramente la democrazia e il multipartitismo e non da ora: i presidenti che perdono se ne vanno, quelli che vincono si insediano e quelli che hanno finito i loro mandati non se ne creano di nuovi modificando la costituzione. Anche qui, come in Nigeria, si attendono i risultati.

Tre casi significativi, dunque. Solo venti anni fa era impossibili immaginarsi elezioni in Congo e in Nigeria. Era impossibile immaginarsele senza violenze e senza disordini e morti. Ancora oggi, in Nigeria e Congo, proteste e morti ci sono stati, ma anche le elezioni. L’Esempio del piccolo Senegal è stato storicamente vincente.

https://www.africarivista.it/rdc-nigeria-e-senegal-africa-alla-prova-della-democrazia/136552/

 

Categorie: Africa, Opinioni, Politica
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.