Por el Equilibrio del Mundo: a Cuba una rinnovata «battaglia delle idee»

01.02.2019 - L'Avana - Gianmarco Pisa

Por el Equilibrio del Mundo: a Cuba una rinnovata «battaglia delle idee»
(Foto di Gianmarco Pisa)

Preceduta, il 30 gennaio, da una emozionante commemorazione della figura e dell’opera di Armando Hart Davalos, figura di primissimo piano della Revolución, primo ministro dell’educazione del governo rivoluzionario e principale ispiratore della politica culturale della Cuba contemporanea, la giornata di chiusura della Conferenza Internazionale “Por el Equilibrio del Mundo”, all’Avana, il 31 gennaio, è stata come una sorpresa nella sorpresa.

L’Officina del Programma Martiano – Progetto José Martí di Solidarietà Internazionale – curatrice dell’evento ha, infatti, deciso di dedicare la sessione finale a una rassegna di studio sulle tematiche della memoria storica e del patrimonio culturale, e di organizzare l’atto finale nella forma di una vera e propria tavola rotonda, nella quale non solo tirare le fila del lavoro di studio, di impegno e di solidarietà svolto nelle giornate precedenti, ma anche delineare delle vere e proprie linee di azione, attorno alle quali orientare la mobilitazione delle forze progressiste e della solidarietà internazionale.

Nella sua lectio magistralis, dedicata al tema “Patrimonio e Memoria Storica”, Eusebio Leal, ben noto storico cubano, ha ricordato come, sin dal manifesto del 20 ottobre 1868, José Martí ha rivendicato l’indipendenza per Cuba e per tutti i popoli del mondo e, allo stesso tempo, di tendere la mano a tutti i popoli del mondo, segnando subito il carattere del sentimento di amicizia con i popoli e di fratellanza dell’umanità. All’eredità martiana, non a caso, è legata, insieme con la lezione marxista e la propensione umanista, la figura e l’opera di Fidel Castro, con la concezione della Revolución come trasformazione integrale dello Stato, della società e della persona; in altri termini, la rivoluzione diviene il movimento della «trasformazione nella verità», l’affermazione della dignità e della volontà della persona di essere trattata, profondamente, come persona, nel suo rapporto più autentico con gli altri e con il mondo, nella società e con l’ecosistema. Su questa falsariga, si staglia la lettura della Dichiarazione del Consiglio Mondiale del Progetto José Martí per la Solidarietà Internazionale, che Frei Betto condivide con tutti i partecipanti: esprime preoccupazione per la politica aggressiva, minacciosa e interventista degli Stati Uniti e, ripudiando ogni ingerenza negli affari interni dei singoli Paesi, riafferma i principi basilari della giustizia internazionale, della autodeterminazione e della sovranità dei popoli; conferma la più intensa solidarietà con il popolo e il governo legittimo della Repubblica Bolivariana del Venezuela, insieme con il suo presidente costituzionale Nicolas Maduro, nonché al Nicaragua sandinista e alla Bolivia plurinazionale, denuncia la persecuzione degli attivisti progressisti latino-americani e la illegittima detenzione del prigioniero politico Lula; manifesta inquietudine per l’approssimarsi del “punto di non ritorno” nella devastazione dell’ecosistema e nella escalation delle spese per armamenti e richiama all’impegno di tutti, in primo luogo delle giovani generazioni «come avanguardia della lotta», per la libertà dei popoli, la pace e la giustizia sociale.

Tocca, infine, al ministro degli esteri di Cuba, Bruno Parrilla, tirare le fila delle sessioni di confronto e di riflessione sviluppate nella conferenza; ed è un intervento che guarda al futuro, alle sfide del presente e all’iniziativa delle forze di progresso. Sulla scena del mondo si affacciano, infatti, nuove minacce: i pericolosi concetti della «pace basata sulla forza» o della «responsabilità di proteggere» e le inquietanti implicazioni, perfino in chiave neo-totalitaria, della politica dei big data e della manipolazione delle informazioni. L’affermazione del «discorso di odio» (hate speech) e la diffusione delle «false notizie» (fake news) minacciano direttamente le forze progressiste, che lottano per un cambio radicale dello stato di cose presenti; la concentrazione monopolistica delle risorse tecnologiche è, a sua volta, una minaccia, al punto che la Apple da sola accumula ricavi superiori persino al PIL di Paesi come il Portogallo, la Repubblica Ceca o la Nuova Zelanda, e, in particolare in America Latina, l’80% della informazione digitale è direttamente o indirettamente controllata dagli Stati Uniti e nel Subcontinente aumenta il numero di quanti, ad esempio, non hanno accesso all’acqua potabile in casa ma utilizzano tuttavia i social media. Viene, proprio alla luce di tutto questo e della «contraddizione complessiva» che il modello neo-liberale impone, affermata con forza l’importanza di una rinnovata ed efficace «teoria gramsciana dell’egemonia»: è una democrazia falsa quella che si dichiara tale, ma senza giustizia e senza cultura, e la «battaglia delle idee» deve essere ripresa e rinnovata per sviluppare un concetto nuovo, un paradigma autonomo, delle forze progressiste, per ridare fiato e prospettiva alla lotta per la libertà e per la giustizia, in definitiva, per l’equilibrio del mondo.

Categorie: America Centrale, Cultura e Media, Internazionale, Opinioni, Questioni internazionali
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


video 10 anni Pressenza

Sciopero femminista globale

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.