Seconda Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza: che la gente si ispiri!

11.11.2018 - Madrid - Tony Robinson

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Francese, Tedesco

Seconda Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza: che la gente si ispiri!
Simbolo della nonviolenza nell’ambito del II Forum sulla violenza urbana e l'educazione alla convivenza e alla pace, Madrid, novembre 2018 (Foto di Juan Carlos Marín)

Il giorno dopo il lancio ufficiale della seconda Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza, Pressenza ha avuto l’opportunità di parlare con il suo coordinatore Rafael de la Rubia, dell’associazione umanista internazionale Mondo senza Guerre e senza Violenza, al termine dell’evento in cui si è formato il simbolo della pace e della nonviolenza con i giovani di varie scuole di Madrid.

Pressenza: Come ti è sembrato il lancio di ieri?

Si tratta della sintesi di una fase; una fase di preparazione che avevamo già deciso un anno fa circa, ma ieri ci siamo impegnati a fare una seconda marcia. Abbiamo la sensazione che possa ricevere molto sostegno e di sicuro che sia necessaria, data la situazione attuale.

Come ti senti ora che il conto alla rovescia è iniziato?

Bene. Penso molto meglio di prima, perché prima ero come nell’incertezza.  Hai sempre la possibilità di dire: “Beh, facciamo un passo indietro” oppure no. Ora è stata lanciata e mi sento più rilassato. E’ un sacco di lavoro.

Come sarà la seconda marcia? Ci si aspetta che la gente in tutto il mondo si ispiri e contribuisca con le sue azioni?

Sì, questo è ciò che vogliamo, che le persone siano ispirate! In cosa? In quello che vogliono. Ieri abbiamo mostrato almeno un po’ la diversità di tutto questo e non abbiamo avuto il tempo di raccontare tutte le cose che si stanno sviluppando. Quindi quello che vogliamo veramente sono persone che hanno un bisogno, che hanno un problema, o che hanno un’ispirazione, o che hanno l’intuizione che si potrebbe fare qualcosa. Noi le incoraggiamo a metterlo in pratica, a buttarsi, ma facendolo in piccolo. Le spingiamo a fare un’azione piccola, a osservarla, misurarla e poi ampliarla, ad aumentare la quantità di persone, città o luoghi e anche la qualità. Quindi cominciamo da una dimensione piccola, ma aspiriamo a ingrandirci. Conosciamo la frase “pensare globalmente e agire localmente”; potremmo riformularla dicendo che è necessario “agire localmente pensando di agire globalmente”.

Il tema principale di questa marcia è l’eliminazione delle armi nucleari

Il primo punto della prima marcia era l’eliminazione delle armi nucleari, così come è avvenuto per quelle chimiche e biologiche. Ora questo obiettivo sarà rafforzato dal Trattato di proibizione delle armi nucleari approvato dalle Nazioni Unite e sostenuto da 122 paesi; ci sono le condizioni perché alla fine della Seconda Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza, nel marzo 2020, un minimo di 50 paesi abbia ratificato il trattato, che a quel punto potrebbe entrare in vigore. E questo sarebbe un evento storico.

Dove si possono trovare maggiori informazioni e come si fa a mettersi in contatto?

Nel sito internazionale www.the2worldmarch.org

Traduzione dallo spagnolo di Anna Polo

Nota del traduttore:

Per l’Italia si può visitare la pagina Facebook  https://www.facebook.com/MarciaMondiale

Video di Álvaro Orus

Categorie: Internazionale, Interviste, Nonviolenza, Pace e Disarmo
Tags: , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


video 10 anni Pressenza

Eventi 10 anni di Pressenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.