I medici di Open Arms prestano assistenza ai profughi salvati dal peschereccio Nuestra Madre Loreto

30.11.2018 - Redazione Italia

I medici di Open Arms prestano assistenza ai profughi salvati dal peschereccio Nuestra Madre Loreto
(Foto di https://www.facebook.com/proactivaservice/)

La salute dei dodici naufraghi, tra cui due minorenni, salvati oltre una settimana fa dal peschereccio spagnolo Nuestra Madre Loreto sta peggiorando rapidamente. Scampati all’inferno dei centri di detenzione libici, hanno dovuto sopportare una lunga permanenza in alto mare e non sanno ancora dove potranno approdare, visto l’atteggiamento di chiusura di Italia e Malta e in generale dei paesi europei.

I medici di Open Arms sono saliti a bordo dell’imbarcazione per assistere i profughi. “Mi sono buttato in mare. Piuttosto che tornare in Libia a subire quello che ho subito preferisco morire. Non ho paura della morte, ma ho paura dei libici”, ha dichiarato uno di loro.

 

 

Categorie: Africa, Diritti Umani, Europa
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.