America Latina: Chomsky intervistato da Correa

22.03.2018 - Rédaction France

Quest'articolo è disponibile anche in: Francese

America Latina: Chomsky intervistato da Correa

Il programma « Discussion avec Correa » è iniziato su RT parlando di imperialismo con il filosofo, politologo e attivista statunitense Noam Chomsky.

In una discussione tanto rilassata quanto profonda nel suo contenuto, Chomsky descrive l’attuale situazione geopolitica e analizza la correlazione dei poteri esistente in varie aree del pianeta.

Una delle prime conclusioni di Chomsky è che « nel sistema internazionale, il potere degli Stati Uniti come entità nazionale è diminuito ». Egli precisa altresì che « sotto il governo di Trump, diventa più debole, meno efficace. Il paese, al suo interno, si sta disintegrando, perdendo l’autorità e il prestigio internazionale di cui godeva un tempo ».

Inoltre, sotto il governo Trump, « gli Stati Uniti si sono separati dal resto del mondo ».

Uno dei molti argomenti trattati durante il programma è quello della retorica bellicista tra Stati Uniti e Corea del Nord che, secondo Chomsky, potrebbe « molto facilmente » diventare una guerra dalle conseguenze imprevedibili.

La proposta di soluzione sostenuta dal politologo è più interessante di questa profezia: « È quella della Cina, che è stata sul tavolo delle proposte per anni ed è stata sostenuta dalla Russia e dalla maggior parte dei paesi », spiega Chomsky, riferendosi a quello che viene definito « il doppio gelo ».

« La Corea del Nord sta congelando lo sviluppo dei suoi missili nucleari e gli Stati Uniti stanno fermando le loro costanti minacce e le manovre militari vicino al confine con la Corea del Nord ».

« Ciò potrebbe generare un clima favorevole ai negoziati, che potrebbero risolvere il conflitto e la crisi in modo sensibile e costruttivo ».

L’influenza decrescente degli Stati Uniti in America latina

« L’epoca in cui gli Stati Uniti potevano rovesciare i governi quando volevano è finita, » afferma Noam Chomsky nella sezione dell’intervista dedicata agli effetti dell’imperialismo in America Latina.

« Possono destabilizzare i governi, ma è molto diverso dall’organizzare un colpo di stato militare come hanno fatto impunemente per anni », spiega.

Per quanto riguarda il Venezuela, Chomsky ammette che « il paese abbia dei problemi molto gravi », ma crede che gli Stati Uniti « non siano in grado di organizzare un colpo di stato o di attaccare il paese ».

Durante la trasmissione, si è dibattutto anche della situazione dell’attivista fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, al quale è stato concesso asilo presso l’ambasciata ecuadoriana a Londra (Regno Unito) e di cui Chomsky dice che « tutti sono certi che, se lascerà l’ambasciata, finirà a Guantanamo ».

Traduzione dal francese di Simona Trapani

Fonte in spagnolo :

http://www.cubadebate.cu/noticias/2018/03/01/chomsky-conversando-con-correa-eeuu-se-ha-separado-del-resto-del-mundo-video/#.WpkJ9WZ7QRE

Categorie: Interviste, Opinioni, Questioni internazionali, Sud America
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.