La destra vince in Catalogna, ma gli indipendentisti andranno al governo

23.12.2017 - Mariano Quiroga

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Greco

La destra vince in Catalogna, ma gli indipendentisti andranno al governo
(Foto di La Vanguardia)

L’erede di destra della gioventù franchista, Ciudadanos, si è imposto nelle elezioni catalane convocate dopo che il governo spagnolo aveva dissolto quello catalano in seguito alla dichiarazione unilaterale di indipendenza.

Con una partecipazione altissima – quasi l’82 % dell’elettorato – Ciudadanos ha ottenuto il 25,48 % dei voti, equivalente a 37 seggi, insufficienti però per formare un governo. Per questo è richiesta la maggioranza della Camera, ossia 68.

Nel 2015 Juntos por el Sí aveva ottenuto 62 seggi e formato un governo alleandosi con la CUP, che ne aggiungeva altri 10. In questa occasione i due partiti si sono divisi. Juntos por Cataluña ne ha ottenuti 34 e ERC (Izquierda Republicana de Cataluña) 32. Con questi numeri possono tornare a dichiarare Carles Puigdemont Presidente della Catalogna.

Il Partido Popular di Mariano Rajoy ha ottenuto i suoi peggiori risultati in tutta la storia della Catalogna,  superando appena il 4 % dei voti e aggiudicandosi 3 seggi, 8 in meno rispetto al 2015. Il costo politico della brutale repressione ordinata dal premier spagnolo è stato devastante.

Il Partido Socialista ha migliorato lievemente i suoi risultati, arrivando al 14 %, mentre la CUP ha perso 6 seggi e potrà contribuire con 4 nel caso torni ad allearsi con gli indipendentisti.

Cataluña en Común, il partito del sindaco di Barcellona Ada Colau, che fa parte anche di Podemos, ha perso circa 40.000 voti e 3 seggi, pagando il fatto di non essersi schierato né per l’indipendenza né per la difesa dell’unità nazionale.

 

Categorie: Europa, Politica
Tags: , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


App Pressenza

App Pressenza

Diritti all'informAZIONE

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.