Sri Lanka, commutate 60 condanne a morte

06.02.2017 - Riccardo Noury

Quest'articolo è disponibile anche in: Tedesco

Sri Lanka, commutate 60 condanne a morte
(Foto di Amnesty International)

Il 4 febbraio, in occasione del 69° anniversario dell’indipendenza, il presidente dello Sri Lanka Maithripala Sirisena ha commutato 60 condanne a morte in ergastolo. Dopo 20 anni di carcere, i 60 prigionieri potranno chiedere la grazia.

Questa buona notizia arriva in un periodo nero dal punto di vista della pena capitale nel continente asiatico: nelle Filippine si discute della sua reintroduzione, mentre nelle Maldive potrebbero esserci le prime esecuzioni da 60 anni.

Prevista per i reati di omicidio, stupro e traffico di stupefacenti, la pena di morte nello Sri Lanka non è applicata dal 1976. Perché non abolirla ufficialmente, allora, dando un segnale al resto dell’Asia?

 

Categorie: Asia, Diritti Umani
Tags: ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.