il 23 dicembre all’ONU ufficialmente il governo italiano dormiva

07.02.2017 - Alfonso Navarra

il 23 dicembre all’ONU ufficialmente il governo italiano dormiva
(Foto di ICAN)
Ecco la risposta ufficiale del sottosegretario Mario Giro all’interrogazione di deputati del M5S: “Abbiamo rettificato l’errore commesso con il voto del 23 dicembre all’ONU”. La Conferenza del 2017 per il bando delle armi nucleari, a giudizio del governo italiano, sarebbe buona nelle intenzioni ma nei fatti “divisiva”.
Essendo il voto del 23 dicembre avvenuto a tarda notte, parrebbe di capire che la rappresentanza italiana avrebbe sbagliato bottone forse perché assonnata…
Questo chiarimento, mi informa Roberto Cotti, senatore del M5S, è avvenuto il 2 febbraio alla Camera, in 3^ Commissione, Affari esteri e comunitari.
La conseguenza che dobbiamo trarne, da “disarmisti esigenti” – e da nonviolenti pacifisti (per le donne e gli uomini di senno e di buona volontà) – è che dobbiamo mobilitare, sempre e comunque, l’opinione pubblica italiana, finora del tutto disinformata.
Ci vorrebbe più impegno – mi sia consentito dire – su quella che è la minaccia principale che pende contro l’umanità ed il cui contrasto delimita nel modo più chiaro la lotta per la vita contro le megamacchine della morte.
Qui di seguito è il sottosegretario Giro che parla, rivolto a Manlio Di Stefano:
[…] “Insieme ai Paesi militarmente non nucleari dell’Alleanza Atlantica, nonché a Giappone, Australia e Corea del Sud, l’Italia è tradizionalmente fautrice di un «approccio progressivo» al disarmo, che riafferma la centralità del Trattato di Non Proliferazione, la sua universalizzazione e l’interdipendenza dei suoi tre pilastri (disarmo, non-proliferazione e uso pacifico dell’energia nucleare). Tale approccio è stato sviluppato in piena coerenza con la nostra adesione agli impegni assunti in seno all’Alleanza  atlantica, la cui dottrina di deterrenza è stata confermata, da ultimo, da tutti gli Alleati al Vertice di Varsavia del 2016. Abbiamo inoltre ritenuto inopportuno sostenere iniziative suscettibili di portare ad una forte contrapposizione in seno alla Comunità internazionale su una questione che richiede un impegno universale ed il pieno coinvolgimento anche dei Paesi militarmente nucleari. Sulla base di tali premesse, desidero chiarire che l’intenzione di voto dell’Italia durante la sessione plenaria della 71ma Assemblea Generale delle Nazioni Unite sulla Risoluzione
« Taking forward multilateral disarmament negotiations », è stata alterata da un errore tecnico-materiale che ha interessato anche altri Paesi. L’erronea indicazione di voto favorevole è stata successivamente rettificata dalla nostra Rappresentanza Permanente presso le Nazioni Unite, che ha confermato il voto negativo espresso in Prima Commissione. Secondo quanto mi segnalano, tale errore sembra essere dipeso dalle circostanze in cui è avvenuta la votazione, a tarda ora della notte del 23 dicembre. La decisione di votare contro la Risoluzione è stata assunta a seguito di una ampia riflessione, pur avendo l’Italia seguito con la massima attenzione la precedente
« Campagna sull’impatto umanitario dell’arma nucleare » organizzata dai Paesi proponenti. Pur condividendo gli obiettivi di fondo che persegue la Risoluzione, riteniamo che la convocazione, nel 2017, di una Conferenza delle Nazioni Unite per negoziare uno strumento giuridicamente vincolante sulla proibizione delle armi nucleari, costituisca un elemento fortemente divisivo che rischia di compromettere i nostri sforzi a favore del disarmo nucleare. Un nostro sostegno avrebbe, in altre parole, rischiato di erodere la credibilità politica del « progressive approach » e del Trattato di Non Proliferazione”
(Qui la versione integrale della risposta: https://goo.gl/ib9RD3).
Categorie: Europa, Nord America, Pace e Disarmo
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.