Medici Senza Frontiere su Serbia e Grecia

11.01.2017 - Medecins sans Frontieres

Medici Senza Frontiere su Serbia e Grecia
(Foto di Andrea Contenta)

MSF: “L’inverno è un fenomeno naturale. Il vero problema è la mancanza di volontà politica”

SERBIA

Secondo informazioni non ufficiali da parte delle autorità, potrebbero essere più di 8.500 i migranti e rifugiati presenti nel paese. Nei centri di accoglienza sono 6.000 posti disponibili ma solo 3.140 sono adatti all’inverno. Questa mattina le persone che si trovavano in insediamenti informali a Subotica, al confine con l’Ungheria, sono state trasferite dalla polizia a Presevo, nel sud del paese.

Venerdì scorso a Belgrado si contavano più di 2.000 persone nei magazzini abbandonati della città, 91 sono state trasferite in tre diversi centri del paese. MSF e Médecins du Monde hanno trattato sette casi di ipotermia. Aumentano infezioni respiratorie e malattie della pelle dovute alle temperature rigide e alle condizioni di vita. MSF non ha ancora ottenuto alcuna risposta ufficiale da parte del governo sulla proposta di fornire ripari di emergenza, dato che le temperature dovrebbero rimanere stabili per almeno un’altra settimana.

GRECIA

A Lesbo il tempo sta migliorando ma il campo di Moria è umido e fangoso e le persone sono al freddo. Molte tende sono distrutte dal peso della neve e della pioggia. È stata creata una nuova area per ospitare 150 persone ma solo in 50 si sono trasferiti. MSF ha donato 100 letti a castello a questa struttura.

A Samo molte persone vivono ancora nelle tende in un’area fangosa. La municipalità sta distribuendo coperte donate da MSF ad agosto 2016. MSF ha trasferito 23 persone vulnerabili dall’hotspot al proprio riparo d’emergenza, dove ospita attualmente 84 persone (famiglie, donne incinte, neonati).

A Salonicco ieri sono caduti 15 cm di neve. Le strade sono bloccate e MSF ha dovuto interrompere le proprie attività di salute mentale. Abbiamo noleggiato auto 4×4 per raggiungere i 13 campi. Le condizioni sono particolarmente dure nel campo Softex dove le tubature sono gelate, non c’è elettricità e il riscaldamento è incostante. Gran parte dell’infrastruttura è danneggiata e dovrà essere sostituita appena terminata l’ondata di gelo.

Testimonianza di Andrea Contenta, Esperto affari umanitari di MSF in Serbia

Sono arrivato qui alla fine della scorsa estate. Allora, la Serbia era ancora considerata un paese di transito, con un flusso costante di persone in entrata e in uscita, nonostante la chiusura ufficiale della rotta balcanica da parte dell’Unione Europea. Quasi tutti viaggiavano affidandosi a trafficanti.

Alla fine dell’estate, la situazione è iniziata a cambiare. Sembrava che i paesi lungo la rotta balcanica facessero a gara nell’inasprire progressivamente le misure deterrenti per fermare il flusso di persone.

Almeno la metà delle persone visitate nelle nostre cliniche in quel momento riportava lesioni dovute a episodi di violenza. In alcuni casi gravi, siamo stati costretti a indirizzarle in ospedale per ulteriori trattamenti. Le lesioni includevano morsi di cane, gravi contusioni e le conseguenze dell’uso di spray al pepe e dissuasori elettrici. Tutti hanno confermato che le ferite erano state provocate dalle varie polizie di frontiera (inclusa Frontex) lungo il percorso. Purtroppo nemmeno i bambini sono stati risparmiati. Ricordo una bimba di due anni alla quale era stato spruzzato il pepe in faccia!

Andiamo avanti di quattro mesi. I metodi di deterrenza estremi continuano e si aggiungono a uno degli inverni più rigidi degli ultimi anni. A Belgrado ha iniziato a nevicare il 3 gennaio. In quei giorni c’erano circa 1.600 persone che dormivano all’aperto o in edifici abbandonati come capannoni industriali, bruciando tutto quello che trovavano per scaldarsi. È stato allora che abbiamo ricevuto segnalazione della morte per freddo di una donna somala nel sud della Bulgaria e di due uomini iracheni al confine tra Turchia e Bulgaria.

Lo scorso fine settimana, le temperature hanno raggiunto i meno 16 gradi e il numero di persone bloccate a Belgrado è salito a 2.000. Ora qui ci sono 30 centimetri di neve e nessuna di queste persone è vestita o attrezzata per questo clima. Le autorità locali a novembre avevano cominciato a provocare e intimidire i gruppi della società civile, arrivando addirittura a ostacolare il loro vitale lavoro, come la distribuzione di vestiti caldi.

Ci sono stati sette casi di congelamento a Belgrado nelle ultime 24 ore, vi assicuro che è molto più grave di quanto sembra. Il congelamento fa sì che il sangue non raggiunga le estremità del corpo, addormenta i nervi e nei casi più gravi può essere trattato solo con l’amputazione perché i tessuti muoiono. Sono certo che il numero di casi aumenterà significativamente entro la fine della settimana.

L’inverno è un fenomeno naturale che non possiamo controllare. Il vero problema è la mancanza di volontà politica per cercare di soddisfare le esigenze immediate di queste persone vulnerabili. È un fallimento dell’Unione Europea, che ha chiuso gli occhi davanti al fatto lampante che le proprie politiche mal pianificate non hanno fermato il flusso di persone, ma non hanno nemmeno predisposto alternative legali per permettere loro di viaggiare in modo sicuro.

Far finta che questo percorso sia chiuso e che queste persone non esistano non è la soluzione. Qualunque cosa si pensi circa il loro diritto di raggiungere l’Europa, meritano di essere trattati come esseri umani, con dignità. E in questo momento, non lo sono.

 

Categorie: Comunicati Stampa, Diritti Umani, Europa
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.