Il Segretario alla Difesa scelto da Trump accusò Israele di apartheid

05.12.2016 - Redazione Italia

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese

Il Segretario alla Difesa scelto da Trump accusò Israele di apartheid
(Foto di Leopoldo Salmaso)

Vedremo se le lobby israeliane tenteranno di intimidire anche James Mattis, scelto da Trump come suo Segretario alla Difesa, o se dovranno semplicemente ingoiare questa sconfitta.

di Juan Cole / Informed Comment, 02/12/2016

 

L’intervista al generale James Mattis, fatta da Wolf Blitzer ad Aspen nel 2013, in cui l’ex comandante del CENTCOM[1], pensionato di recente, ha parlato liberamente sulla politica in Medio Oriente, è tornata a tormentarlo ora che Donald Trump lo ha presentato come il prossimo Segretario alla Difesa. Nel momento in cui gli Stati Uniti hanno truppe di terra in Iraq, Siria e Afghanistan, non è controversa la sua posizione su tali conflitti. Sono controversi i suoi commenti sui tentativi del segretario di stato John Kerry di promuovere i colloqui di pace tra Israele e Palestina.

Alternet ha riproposto le sue parole:
“Così abbiamo dovuto lavorare sui [colloqui di pace] con un senso di urgenza. In qualità di comandante del CENTCOM ogni giorno ho pagato un prezzo in termini di sicurezza militare perché noi americani eravamo visti come sbilanciati in favore di Israele. Gli arabi moderati non potevano schierarsi con noi perché non potevano sostenere pubblicamente chi non mostra rispetto per gli arabi palestinesi”.

Chiunque sia coinvolto nella politica estera e di sicurezza degli Stati Uniti sa che l’aggressiva colonizzazione israeliana della Cisgiordania palestinese e l’assedio dei civili palestinesi nella Striscia di Gaza è una delle principali cause del terrorismo contro gli Stati Uniti, dal momento che Washington è accusata per questo, ed è uno dei principali problemi di sicurezza perché rende gli Stati Uniti un paria nel mondo musulmano. Una delle ragioni che Osama Bin Laden addusse per attaccare gli Stati Uniti è come Israele tratta i palestinesi privi di un proprio Stato:
“Se gli obiettivi americani che stanno dietro a queste guerre sono religiosi ed economici, l’obiettivo è anche quello di servire il meschino stato degli ebrei e distogliere l’attenzione dalla sua occupazione di Gerusalemme e dall’uccisione di musulmani in quei luoghi. La migliore prova di questo è la loro decisione di distruggere l’Iraq, il più forte stato arabo confinante, e il loro tentativo di frammentare tutti gli Stati della regione, come l’Iraq, l’Arabia Saudita, l’Egitto e il Sudan, riducendoli a staterelli di carta e, tramite la loro disunione e debolezza, garantire la sopravvivenza di Israele e la continuazione della brutale crociata di occupazione della penisola”.

Come ho detto prima, se si trattasse di difendere Israele e il diritto del suo popolo a vivere in sicurezza, allora gli USA farebbero sempre un passo avanti. Ma è inaccettabile difendere gli sfrenati crimini di guerra degli israeliani e il loro disprezzo per il diritto internazionale. In quella sua intervista, Mattis continuò:
“Mi lasci dire, la situazione attuale è insostenibile … Dobbiamo trovare un modo per far funzionare la soluzione dei due Stati,sostenuta sia dai democratici che dai repubblicani, ma le chance stanno diminuendo a causa degli insediamenti. Ad esempio, se Gerusalemme mette 500 coloni ebrei ad est dove ci sono già diecimila arabi, e poi tira la linea di confine per includerli, o [Israele] cessa di essere uno Stato ebraico o dice che gli arabi non devono votare: questa è apartheid, non ha funzionato molto bene l’ultima volta che l’ho vista praticare in un paese”.

Jimmy Carter fu trattato indegnamente da Alan Dershowitz, dalla Brandeis University e dall’intero establishment pro-Israele per aver espresso esattamente lo stesso avvertimento, e per le loro pressioni è stato escluso dalla lista degli oratori alle Convenzioni nazionali democratiche per Obama. Sono state fatte liste per sorvegliare gli accademici che osano criticare gli israeliani che occupano terra di proprietà palestinese.

E ricordiamoci come è stato trattato il povero Chuck Hagel, senatore e distinto veterano della Guerra del Vietnam con due decorazioni, durante l’udienza per confermarlo come Segretario della Difesa, per volere dei falchetti Neocon:
“Ah, e poi c’è Lindsey Graham, la Regina Rossa del Senato (l’essenza del governatore pedante che attraverso-lo-specchio pone domande tipo: “Dividi un pane per un coltello: qual è la risposta? “)[2]
Quindi la Regina Rossa se l’è presa con Hagel per aver detto che la “lobby ebraica” intimidisce le persone. Lindsey chiese: “Nomini una persona qui che è stata intimidita dalla lobby ebraica… Nomini una cosa stupida che siamo stati spinti a fare per pressione della lobby israeliana o ebraica”.
Hagel disse di non avere nessuno in mente.
L’ironia, naturalmente, è che Graham stesso fa parte della lobby israeliana, e stava intimidendo Hagel perché si lamentava di essere stato intimidito!
Tutti i deputati e i senatori sanno che la lobby israeliana li intimidisce o cerca di farlo, quotidianamente. Ernst Hollings si lamentò: “non puoi avere una politica israeliana diversa da quella che ti passa l’AIPAC da queste parti”.
AIPAC è il Comitato Americano per gli Affari Pubblici Israeliani, agente de facto della politica estera israeliana negli Stati Uniti, che la passa liscia dall’obbligo di registrarsi come tale perché ha comprato o intimidito il Congresso.

Allora stiamo a vedere se il senatore Graham tratta allo stesso modo il generale Mattis (non glielo consiglio perché lo chiamano “Cane Pazzo” con qualche ragione), o se le lobby israeliane dovranno semplicemente ingoiare questa sconfitta.

Dunque, potranno ora essere nuovamente invitati a cena i più competenti osservatori del Medio Oriente, venendo rimosso il veto imposto su di loro dalla lobby sionista?

A proposito, nel resto dell’intervista Mattis era altrettanto informato e competente, al suo solito. Era contrario a farsi coinvolgere in Siria, e avvertì che l’azione militare non poteva risolvere la questione del programma di arricchimento nucleare iraniano.

[1] Comando Centrale del Dipartimento della Difesa USA.

[2] Citazione di un nonsenso da “Alice nel Paese delle Meraviglie”

 

Traduzione dall’inglese di Leopoldo Salmaso

 

Categorie: Internazionale, Nord America, Politica
Tags: , , , , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 18.02.20

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

Chiudiamo le pagine di chi spegne i sorrisi

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.