Egitto, l’arte monella dei “Bambini di strada” torna in libertà

13.09.2016 - Riccardo Noury

Egitto, l’arte monella dei “Bambini di strada” torna in libertà
(Foto di (©) Privato)

Prendevano in giro le istituzioni egiziane e, non di rado, direttamente il presidente Abdel Fattah al-Sisi. Il nome del gruppo, “Atfal el shawarea”, Bambini di strada, richiama esattamente il loro modo di agire: videoclip divertenti e irriverenti sui temi del momento, girati con stile veloce, spesso come selfies in mezzo alla strada e caricati in rete con grande successo: milioni di visualizzazioni, 300.000 “mi piace” sulla pagina Facebook, poi chiusa.

Un’arte leggera, monella, quella dei Bambini di strada, ma fermata il 10 maggio con sei arresti e accuse pesanti: istigazione alla violenza e offesa alle istituzioni dello stato.

Due dei sei componenti del gruppo erano stati rilasciati poco dopo il fermo. Il 7 settembre gli altri quattro Bambini di strada – Mohamed Dessouky, Mohamed Yehia, Mohamed Adel e Mohamed Gabr – sono tornati in libertà!

Categorie: Africa, Diritti Umani
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 25.01.20

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

Chiudiamo le pagine di chi spegne i sorrisi

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.