Ricorre oggi, 12 luglio, l’anniversario della morte di Erasmo da Rotterdam (Rotterdam, 27 ottobre 1466 o 1469 – Basilea, 12 luglio 1536),

Lunedi’ 11 luglio 2016 a Viterbo presso il “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” si e’ svolto un incontro di studio dedicato all’opera, all’azione, al pensiero del grande umanista, una delle figure piu’ vive dell’impegno per la pace e i diritti umani.

Nel corso dell’incontro sono state lette e commentate alcune classiche pagine dall’Elogio della follia, dal Lamento della pace, dai Colloquia e dagli Adagia.

Dalla lettura delle opere del grande intellettuale europeo un appello scaturisce: affinche’ si cessi di fare le guerre, affinche’ si cessi di uccidere, affinche’ l’umanita’ scelga la pace e l’universale solidarieta’.

Questo e’ l’impegno ancor oggi (anzi: oggi ancor piu’ di allora) necessario e urgente: l’impegno per la pace, il disarmo, la smilitarizzazione; l’impegno a soccorrere, accogliere, assistere ogni persona bisognosa di aiuto; l’impegno a rispettare e difendere la vita, la dignita’ e i diritti di tutti gli esseri umani. L’impegno contro la guerra e tutte le uccisioni, l’impegno contro il razzismo e tutte le persecuzioni, l’impegno contro il maschilismo e tutte le oppressioni. Ogni vittima ha il volto di Abele.

L’incontro si e’ concluso rinnovando ancora una volta un appello al Parlamento affinche’ legiferi due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu’ in Italia: una legge che riconosca a tutti gli esseri umani il diritto di giungere nel nostro paese in modo legale e sicuro; una legge che riconosca il diritto di voto a tutte le persone che vivono nel nostro paese.

*

Una breve notizia biobibliografica su Erasmo

Nacque Erasmo tra il 1466 e il 1469 da genitori non uniti in matrimonio, fanciullo frequenta a Deventer una scuola dei Fratelli della Vita Comune; nel 1479 la peste uccide la madre, poi il padre; spinto dai tutori Erasmo entra nel convento di Steyn, presso Gouda, e abbraccia la vita religiosa. Negli anni di Steyn studia alacremente e si segnala come latinista. Nel 1492 e’ ordinato prete. Nel 1492 lascia Steyn per entrare al servizio di Enrico di Berghes, vescovo di Cambrai. Nel 1495 ottiene di andare a studiar teologia a Parigi, l’anno dopo lascia il collegio Montaigu e si guadagna da vivere facendo il precettore. La sua sara’ una vita di andirivieni per l’Europa, con prevalente residenza nell’area tra Lovanio, Basilea e Friburgo, ma con fondamentali protratti soggiorni in Inghilterra, ed un operoso viaggio in Italia. Nel 1499 compie il suo primo soggiorno in Inghilterra, e vi conosce Thomas More e John Colet. Nel 1500 a Parigi pubblica la prima edizione degli Adagia; nel 1501 pubblica il De Officiis di Cicerone ed inizia cosi’ la sua fondamentale attivita’ di editore di classici; nello stesso anno studia il greco. Nel 1502 muore Enrico di Berghes, Erasmo va a Lovanio.

Nel 1503 pubblica l’Enchiridion militis christiani, nel 1504 il Panegyricus ad Philippum Austriae ducem (uno dei primi importanti testi pacifisti di Erasmo); nel 1505 edita le Annotazioni sul Nuovo Testamento di Lorenzo Valla, compie il suo secondo soggiorno in Inghilterra. Dal 1505 al 1509 e’ in Italia: a Venezia presso Aldo Manuzio svolge un’attivita’ editoriale cospicua. Lasciando l’Italia medita l’Elogio della follia, che pubblichera’ nel 1511 dedicandola a Thomas More. Dal 1509 al 1514 e’ perlopiu’ in Inghilterra. Nel 1513 muore Giulio II, e viene pubblicato il libello Julius exclusus e coelis, violento attacco alla figura del papa-guerriero: un testo attribuito ad Erasmo, sebbene egli sempre abbia negato di esserne autore. Nel 1514 e’ a Basilea ed inizia il sodalizio editoriale con lo stampatore ed amico Johann Froben. E presso Froben nel 1515 pubblica tra l’altro un’edizione di Seneca.

Nel 1516 pubblica la prima edizione critica del Nuovo Testamento. Inizia anche a pubblicare raccolte del suo epistolario. Nel 1516 gli viene attribuita la carica onoraria di consigliere di Carlo d’Asburgo (il futuro imperatore Carlo V, che gia’ nel corso dell’anno diverra’ re di Spagna), e pubblica l’Institutio principis christiani. Sempre quest’anno pubblica la sua edizione dell’Opera omnia di Girolamo, e un’edizione della Grammatica institutio di Teodoro di Gaza. Pubblicazione dell’Utopia di Thomas More. Nel 1517 (che e’ anche l’anno delle novantacinque Tesi di Lutero) pubblica la Querela Pacis, Carlo si trasferisce in Spagna ma Erasmo non lo segue. Dal 1517 al 1522 sara’ prevalentemente a Lovanio. Nel 1518 pubblica tra l’altro l’Encomium matrimonii.

Nel 1519 pubblica la seconda edizione del Nuovo Testamento, un’edizione di Cipriano, ed esce un’edizione delle Familiarum colloquiorum formules, che diverranno i Colloquia; Carlo viene eletto imperatore. Muore John Colet. Nel 1520 pubblica gli Antibarbari. E’ l’anno della bolla papale Exurge Domine, che Lutero da’ pubblicamente alle fiamme. Nel 1521 pubblica il De contemptu mundi. Nel 1522 si trasferisce da Lovanio a Basilea; viene pubblicata da Froben la prima edizione autorizzata dei Colloquia, la terza edizione del Nuovo Testamento, vari altri lavori (tra cui l’edizione di Arnobio). Nel 1523 alle edizioni e commenti di testi neotestamentari e patristici (Ilario) aggiunge anche le Tuscolane di Cicerone (e nel 1525 l’Historia Naturalis di Plinio il Vecchio). Declina l’invito di Francesco I a trasferirsi in Francia. Nel 1524 esce il Libero arbitrio cui Lutero replichera’ col Servo arbitrio, al quale Erasmo rispondera’ con l’Hyperaspistes nel ’26. Sempre nel ’26 pubblica l’Institutio matrimonii christiani e l’edizione di Ireneo. Nel 1527 la quarta edizione del Nuovo Testamento e l’edizione delle opere di Ambrogio. E’ l’anno del sacco di Roma. Nel 1528 pubblica il Ciceronianus. Nel 1529 pubblica il De pueris statim ac liberaliter instituendis, e l’Opera omnia di Agostino.

Dal 1529 al 1533 e’ prevalentemente a Friburgo. Nel ’30 cura l’edizione di Giovanni Crisostomo e pubblica la sua Consultatio de bello turcis inferendo. Nel ’31 edizione di Aristotele, Livio, Gregorio Nazianzeno, e Paraphrasis in Elegantias L. Vallae. Nel ’32 edizioni di Demostene e Terenzio. Nel ’33 pubblica la De sarcienda Ecclesiae concordia. Nel 1534 la Preparazione alla morte. Nel 1535 a Basilea, quinta edizione del Nuovo Testamento. Decapitazione di Thomas More, imprigionato l’anno prima. Erasmo rifiuta l’offerta del cappello cardinalizio. Nel 1536 cura l’edizione di Origene. Muore a Basilea tra l’11 e il 12 luglio. Una bibliografia orientativa: I. Le opere di Erasmo. L’opera omnia di Erasmo si legge ancora nell’edizione di Leida (Lugduni Batavorum) del 1703-1706 a cura di Jean Leclerc (Joannes Clericus), ristampata nel 1961 a Hildsheim.

Dal 1969 e’ in corso ad Amsterdam l’edizione critica, di cui sono gia’ usciti vari volumi. Il monumentale e fondamentale epistolario di Erasmo e’ stato edito da P. S. Allen e collaboratori e prosecutori ad Oxford tra il 1906 e il 1958. II. Alcune opere di Erasmo disponibili in italiano. Per la Querela Pacis segnaliamo le edizioni curate da Luigi Firpo (Erasmo, Il lamento della pace, Utet, Torino 1967; poi Tea, Milano); da Franco Gaeta (Erasmo, Contro la guerra, Japadre, L’Aquila 1968, che reca anche il Dulce bellum inexpertis); da Eugenio Garin (nella sezione di testi erasmiani inclusa nella sua monografia Erasmo, Edizioni Cultura della Pace, S. Domenico di Fiesole 1988, di cui diremo piu’ avanti). Ovviamente quasi non c’e’ casa editrice, grande o piccola, che non abbia pubblicato l’Elogio della follia, sovente arricchito da perspicue introduzioni e prefazioni di preclari studiosi. Dall’edizione a cura di Benedetto Croce per Laterza (Elogio della pazzia e Dialoghi, Laterza, Bari 1914), a quella a cura di Tommaso Fiore per Einaudi (Elogio della pazzia, Einaudi, Torino 1943), a quella a cura di Eugenio Garin (Erasmo da Rotterdam, Elogio della follia, Serra e Riva, Milano 1984, poi Mondadori, Milano 1992) ad innumerevoli altre: tra le recenti segnaliamo quella di Luca D’Ascia con un saggio di Bainton, per Rizzoli.

Dei Colloquia dopo la traduzione parziale di Gian Piero Brega (Erasmo, I colloqui, Feltrinelli, Milano 1959, poi in edizione rivista 1967; e adesso Garzanti, Milano 2000) finalmente e’ stata pubblicata una traduzione integrale con testo a fronte: Erasmo da Rotterdam, Colloquia, Einaudi, Torino 2002 (progetto editoriale e introduzione di Adriano Prosperi, traduzione, cura e apparati di Cecilia Asso). Degli Adagia segnaliamo la pregevole edizione di un piccolo ma prezioso saggio di essi a cura di Silvana Seidel Menchi: Erasmo, Adagia. Sei saggi politici in forma di proverbi, Einaudi, Torino 1980. Una segnalazione particolare vogliamo fare anche per L’Institutio principis christiani, nella traduzione italiana a cura di Margherita Isnardi Parente: Erasmo da Rotterdam, L’educazione del principe cristiano, Morano, Napoli 1977. Va letto anche almeno il Libero arbitrio nell’utile edizione a cura di Roberto Jouvenal: Erasmo, Il libero arbitrio (testo integrale); Lutero, Il servo arbitrio (passi scelti), Claudiana, Torino 1969, seconda edizione del 1973.

Una nuova edizione del solo testo erasmiano (ma con una prefazione di Sergio Quinzio) e’ nella traduzione di Italo Pin: Erasmo da Rotterdam, Sul libero arbitrio, Edizioni Studio Tesi, Pordenone 1989. Ovviamente vari altri testi di Erasmo sono disponibili in traduzione italiana. E’ opportuno avvertire che sovente gli apparati critici e informativi che accompagnano le traduzioni italiane dei testi erasmiani sono assai approssimativi. III. Alcune opere su Erasmo. Chiunque si accosti alla letteratura critica novecentesca su Erasmo non puo’ non notare la presenza tra i suoi studiosi di un elevato numero di persone che hanno dato buona prova di se’ nell’opporsi al fascismo: scorrendo i nomi dei traduttori, dei curatori, degli autori di studi e ricerche erasmiane trovi alcune delle figure piu’ nitide ed alte dell’antifascismo e della Resistenza. Pensiamo che non avvenga per caso. Ed anche se in questa nota non citiamo che pochi autori di contributi maggiori, vorremmo qui idealmente ricordarli tutti, con ammirazione ed affetto.

Tra le principali monografie disponibili in italiano che ricostruiscono vita, personalita’, riflessione ed opera di Erasmo segnaliamo particolarmente le seguenti: Johan Huizinga, Erasmo, Einaudi, Torino 1941 (piu’ volte ristampata); Roland H. Bainton, Erasmo della Cristianita’, Sansoni, Firenze 1970; Pierre Mesnard, Erasmo, Accademia Sansoni, Milano 1971; Cornelis Augustijn, Erasmo da Rotterdam. La vita e l’opera, Morcelliana, Brescia 1989; Leon E. Halkin, Erasmo, Laterza, Roma-Bari 1989. Fondamentale e’ anche Hugh R. Trevor-Roper, Protestantesimo e trasformazione sociale, Laterza, Bari 1969 e piu’ volte ristampato; il primo saggio del volume e’ specifico su Erasmo, ma – scrive l’autore nella prefazione all’edizione italiana, e dice bene – “la figura e le idee di Erasmo dominano il libro. Se questi saggi, come spero, hanno una loro unita’, mi sembra che il filo conduttore sia appunto la sconfitta delle prospettive aperte da Erasmo”. Su Erasmo e la pace cfr. Eugenio Garin, Erasmo, Edizioni Cultura della Pace, S. Domenico di Fiesole (Fi) 1988 (che reca anche i seguenti testi erasmiani: il Dulce bellum inexpertis, dagli Adagia; la Querela Pacis; e tre testi dai Colloquia: la Confessio militis, Militis et Cartusiani, il Charon).

Per una puntuale collocazione di Erasmo nella tradizione (ed alle radici) del pensiero pacifista moderno si veda anche l’eccellente antologia a cura di Ernesto Balducci e Lodovico Grassi, La pace. Realismo di un’utopia, Principato, Milano 1983. Per la bibliografia cfr. (in francese) gli ottimi lavori specifici di Jean-Claude Margolin. Su Erasmo e l’erasmismo fondamentali sono gli studi di Augustin Renaudet, Marcel Bataillon, e per l’Italia Silvana Seidel Menchi, Erasmo in Italia. 1520-1580, Bollati Boringhieri, Torino 1987. Su Erasmo e l’Italia cfr. anche i classici studi (che non ci risulta siano stati tradotti in italiano) di P. De Nolhac, Erasme en Italie. Etude sur un episode de la Renaissance, Paris 1888; ed Augustin Renaudet, Erasme et l’Italie, Geneve 1954, nuova ed. 1998.

Vari studiosi italiani nel corso degli ultimi decenni hanno dedicato ad Erasmo studi talvolta perspicui, rinunciamo a darne qui un elenco rinviando alle bibliografie contenute nei volumi sopra segnalati. Degli autori gia’ citati vorremmo ricordare altri libri a nostro parere utili a lumeggiare le premesse, il contesto o l’eredita’ erasmiana: di Johan Huzinga cfr. anche L’autunno del Medioevo (Sansoni) e La civilta’ olandese del Seicento (Einaudi); di Pierre Mesnard si veda anche almeno l’eccellente Il pensiero politico rinascimentale, 2 voll., Laterza, Bari 1963-1964; di Eugenio Garin e di Ernesto Balducci si dovrebbero ricordare qui innumerevoli opere, basti aver reso omaggio ai loro nomi di maestri. (Una minima nota di aggiornamento bibliografico del 2005:

La seguente notizia biobibliografica su Erasmo integrava l’introduzione di Peppe Sini a una traduzione italiana della Querela Pacis pubblicata dalla casa editrice Multimage a Firenze nel 2002. Ovviamente la bibliografia dovrebbe essere aggiornata; tra vari altri utili volumi apparsi negli ultimi anni in Italia ricordiamo almeno: Erasmo da Rotterdam, Pace e guerra, Salerno Editrice, Roma 2004, a cura di Italo Francesco Baldo – quattro classici testi erasmiani: la Oratio de pace, la Querela Pacis, il De bello Turcis inferendo, la Precatio pro pace Ecclesiae -; Erasmo da Rotterdam, Per una libera educazione, Rizzoli, Milano 2004, a cura di Luca D’Ascia; Erasmo da Rotterdam, Il lamento della pace, Rizzoli, Milano 2005, a cura di Federico Cinti, e con un saggio di Jean-Claude Margolin).