Design for peace: un progetto pilota di creatività solidale

01.06.2016 - Marie-Laurence Chanut Sapin

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo, Francese

Design for peace: un progetto pilota di creatività solidale
(Foto di Design for Peace)

Design for Peace è un progetto significativo soprattutto in quanto portatore dei valori della solidarietà e dell’umanità.

L’Associazione Africa Tiss che ne è all’origine si occupa delle necessità umanitarie, ovunque siano nell’intero globo, e nel caso specifico di quelle dei rifugiati maliani in esilio forzato in Burkina Faso.

Per questi uomini e donne le cui condizioni di vita permangono precarie e incerte, essere di nuovo in grado di provvedere alle proprie necessità è essenziale. I loro mestieri e le loro competenze sono i punti d’appoggio che permetteranno loro di accedere nuovamente a quell’autonomia a cui ogni essere umano ha diritto per sentirsi parte di questo mondo, prendervi il proprio posto e dare il proprio contributo.

Poter acquistare le materie prime necessarie per l’esercizio del loro mestiere è il primo passo, il successivo è quello della distribuzione ai fini della vendita, preferibilmente sul mercato internazionale.

Ciò implica che i prodotti debbano avere un design e una qualità accettati da questo mercato, il che costituisce una vera sfida ma anche una garanzia di stabilità nel tempo.

Design for Peace è anche la storia di un incontro. Quella tra diciassette artigiani tuareg detentori di variegate competenze tradizionali e sei designer francesi formati nelle “grandes écoles” d’arte e design [scuole superiori di livello universitario].

I primi, scelti in base ai loro talenti e alle loro competenze, lavorano il cuoio, il legno, il vimini, la lana o il metallo,.

I secondi, creativi in vari settori, hanno risposto all’appello presentando non solo i loro book personali ma anche proposte basate su due proverbi Tuareg. “i gesti sono i tamburi d’acqua della parola” e “colui che risiede faccia in modo che il viandante ricordi”. Una prima riflessione e un’immersione anticipata nell’universo a loro riservato, una volta selezionati, dal soggiorno artistica di 7 settimane in Burkina Faso a cui sono invitati.

La collezione “Transhumance” risultante da questa collaborazione riflette la mescolanza di mondi e culture dei loro creatori, nella quale la tradizione è rispettata ma anche reinventata giocando con l’utilizzo dei materiali e dirottandolo, modificando talvolta gli usi e le finalità degli oggetti.

Guardando le creazioni nate da questo inedito scambio si immagina l’effervescenza, l’allegro disordine, i gesti condivisi, i tentativi e probabilmente gli errori prima di potersi infine capire e l’incontro possa avvenire, un incontro tecnico e artistico, ma anche umano.

Gli oggetti sono il risultato di interrogazioni e di ricerca comuni, come la volontà di valorizzare oggetti di uso quotidiano che, per le popolazioni nomadi, devono rimanere di piccole dimensioni per essere trasportabili.

Sono anche la testimonianza dell’interesse e del rispetto reciproco presente tra i partecipanti.

Divenuti a loro volta nomadi, gli oggetti decorativi e gli accessori di moda abbelliranno delicatamente le nostre vite spargendovi un poco di quello spirito della transumanza sahariana.

La raccolta è ospitata presso la galleria Made in Town a Parigi fino al 23 luglio e presso l’Institut français de Ouagadougou dal 04 giugno al 23 luglio.

Per seguire o sostenere Design for Peace, visitate kisskissbankbank: https://www.kisskissbankbank.com/design-for-peace-co-creation-et-design-solidaire?ref=category.

Altre informazioni sul sito del progetto: http://designforpeace.org

E su quello di Afrika tiss, il filo di solidarietà: http://www.afrikatiss.org

Traduzione dal francese di Giuseppina Vecchia per Pressenza

Categorie: Africa, Diritti Umani, Europa
Tags: , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.