Siria: Attacchi aerei contro 9 ospedali nella provincia di Idlib. 11 morti e 31 feriti

14.08.2015 - Medecins sans Frontieres

Siria: Attacchi aerei contro 9 ospedali nella provincia di Idlib. 11 morti e 31 feriti
(Foto di Photo credit: FreedomHouse / Foter / CC BY)

Medici Senza Frontiere (MSF) denuncia attacchi aerei contro 9 ospedali o nelle loro vicinanze – tra cui tre ospedali supportati da MSF – nella provincia di Idlib, in Siria nord-occidentale. Questi attacchi, avvenuti nell’arco di 4 giorni tra il 7 e il 10 agosto, mostrano come il conflitto in corso stia colpendo un numero sempre maggiore di civili e strutture sanitarie.

Tra le persone uccise negli attacchi ci sono tre operatori sanitari, un paziente e sette civili. Sette operatori sanitari, sei pazienti e oltre 18 civili sono rimasti feriti. Un centro per la dialisi che fornisce trattamenti indispensabili a un bacino di 30.000 persone ha chiuso a causa dei bombardamenti e i pazienti devono ora percorrere quasi 70 chilometri in un ambiente non sicuro per avere accesso alle cure. In altri ospedali sono state colpite sale operatorie e reparti di ortopedia e fisioterapia. Due ambulanze, un generatore e un laboratorio sono stati distrutti dai missili e altre tre ambulanze sono state danneggiate.

Il capo missione di MSF per la Siria, Sylvain Groulx, ha descritto gli attacchi come un trend devastante e crescente che conta sempre più attacchi contro i servizi sanitari in tutto il paese:

“I recenti attacchi sono una chiara violazione del diritto internazionale umanitario, che proibisce attacchi militari contro gli ospedali. I bombardamenti possono puntare obiettivi specifici e questi ospedali sono luoghi riconosciuti. Devono essere rispettati come spazi neutrali, dove i civili possano avere garantito il loro diritto all’assistenza medica in modo sicuro. I civili subiscono ogni giorno il peso di questa guerra e il numero di morti e di feriti tra la popolazione continua a crescere.”

Negli ultimi mesi ci sono stati attacchi simili contro infrastrutture civili, tra cui diverse strutture sanitarie, in molti dei governatorati non più controllati dalle forze governative.

MSF chiede a tutte le parti del conflitto di rispettare le aree ospedaliere e di garantire la sicurezza dei civili.

In Siria MSF gestisce 5 strutture mediche e supporta più di 100 ospedali e centri sanitari. MSF lavora anche con i rifugiati siriani che sono scappati in Iraq, Giordania e Libano

Categorie: Comunicati Stampa, Medio Oriente, Salute
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

Chiudiamo le pagine di chi spegne i sorrisi

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.