Amministrazione autonoma per i curdi di Siria

28.01.2015 - Associazione per i Popoli Minacciati

Quest'articolo è disponibile anche in: Tedesco

Amministrazione autonoma per i curdi di Siria
(Foto di Mauro Di Vieste)

Dopo la liberazione della città di Kobane e la cacciata dei miliziani dello Stato Islamico (IS), l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) chiede che la comunità internazionale sostenga un’amministrazione autonoma della regione kurda in Siria, anche contro la volontà del presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Non può essere, così l’APM, che a decidere del futuro dei Kurdi in Siria sia il solo presidente turco. Dopo decenni di persecuzioni e discriminazioni, l’unico modo per garantire la stabilità della regione è quello di concedere l’autonomia amministrativa ai tre cantoni kurdi in Siria, Kobane, Afrin e Cezire.

Se Erdogan continua a insistere sulla sua linea politica e continua a rifiutare ogni concessione alla popolazione kurda in Siria, anche l’Europa dovrebbe ripensare a fondo la sua politica nei confronti del partner Nato Turchia. L’APM ricorda infatti gli ostacoli posti dal governo turco alla resistenza kurda all’IS e agli aiuti umanitari alla popolazione kurda intrappolata nella regione dalle milizie dell’IS. Mentre le autorità turche da un lato tolleravano la presenza sul loro territorio di miliziani dell’IS, dall’altro tentavano di impedire ai combattenti della resistenza kurda feriti di mettersi in salvo in territorio turco e farsi medicare negli ospedali turchi. Diversi combattenti kurdi sono infatti morti dissanguati di fronte agli occhi della polizia di frontiera turca.

Solo in seguito alle crescenti pressioni internazionali il governo di Ankara ha permesso il passaggio di 160 peshmerga kurdo-iracheni per sostenere militarmente gli uomini e le donne di Kobane. Ai Kurdi in Turchia non è stato invece permesso di unirsi alla resistenza contro l’IS.

La zona di Kobane è stata assediata dall’organizzazione terroristica “Stato Islamico” (IS) fin dalla fine del 2013, ma alla fine ha dovuto capitolare di fronte alla resistenza delle unità di resistenza popolare (YPG). A metà settembre 2014 le milizie radical-islamiche avevano avviato una grande offensiva contro la città di Kobane, e lo scorso 28 settembre avevano dato inizio all’attacco alla città. Tra i 200.000 e i 300.000 civili kurdi sono dovuti fuggire nella vicina Turchia.

Categorie: Comunicati Stampa, Medio Oriente, Politica
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

Chiudiamo le pagine di chi spegne i sorrisi

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.