Anche a Firenze manifestazione e sciopero generale indetto dal sindacalismo di base USB e Cobas contro la guerra e l’economia di guerra che stanno incidendo pesantemente sulla vita sociale ed economica dei lavoratori.

Un corteo numeroso, con la partecipazione anche degli operai ex GKN si è snodato in un percorso inusuale e ai margini del centro storico, imposto dalle disposizioni restrittive della Prefettura secondo i decreti disciplinari governativi. La richiesta di un salario minimo garantito per tutti e l’innalzamento di quello contrattuale italiano scandalosamente fra i più bassi d’Europa sono stati gridati con forza dal corteo.