Discorso di insediamento di Xiomara Castro, prima donna a ricoprire la carica di Presidente dell’Honduras.

“Oggi vi voglio informare sulla tragedia economica e sociale del Paese che sto ricevendo e sulla mia proposta di rifondare l’Honduras in uno Stato socialista e democratico.

L’Honduras è stato affondato negli ultimi 12 anni di dittatura e lo ricevo in bancarotta.

Il Paese deve sapere cosa hanno fatto col denaro pubblico: dove stanno i 20 milioni di dollari presi in prestito?

Il mio governo non continuerà col saccheggio liberista che ha condannato generazioni di giovani a pagare debiti contratti alle loro spalle.

La catastrofe economica che ricevo non ha paragoni nella storia del Paese.

La povertà è aumentata del 74%, il debito estero del 700%, facendoci diventare il paese più povero dell’America Latina.

Dobbiamo rinstaurare la giustizia sociale nella redistribuzione della ricchezza.Attualmente il pagamento degli interessi al Fondo Monetario Internazionale consuma il 50% del bilancio dello Stato. Non potremo mai pagare tutto il debito, vivremo eternamente poveri; l’unica via d’uscita è una rottura di questo schema.

Gli organismi finanziari mi hanno proposto di accedere ad ulteriori prestiti, di aumentare il debito, ma non per salvare industrie basilari in crisi, come quella energetica, ma per salvare gli interessi degli azionisti.

Se accettassi sarei complice dell’usura e della speculazione legalizzata con contratti lesivi del popolo, ridotto in miseria e obbligato negli anni scorsi ad emigrare in massa.

Hanno venduto il territorio del Paese come qualsiasi altra merce. La giustizia li giudicherà per i loro reati.

Ci impegniamo con la nostra proposta per un socialismo democratico a porre le basi per un attacco frontale alla corruzione che in questi anni ci ha umiliato.

La rifondazione dell’Honduras passa per il rispetto della vita: mai più squadroni della morte, mai più silenzi di fronte ai femminicidi, mai più assassini compiuti da sicari, mai più narcotraffico e crimine organizzato.

Trasformeremo gradualmente gli organismi dei corpi di sicurezza in persone che collaborano con la cittadinanza.

Concentreremo i nostri sforzi nei 4 settori maggiormente richiesti dalla nostra popolazione: educazione, salute, lavoro e sicurezza.

L’educazione come suprema priorità, la salute sarà ristrutturata con preferenza alla sanità pubblica, che deve dedicarsi alla prevenzione con massima attenzione ai minori, alle donne e agli anziani.

La sicurezza non sarà solo una sicurezza giuridica ma anche una sicurezza sociale.

Rifondare sarà una missione imprescindibile.

Il governo sarà accompagnato dalla voce del popolo attraverso i consigli popolari.

Sarà il popolo che dovrà accompagnarci e non solamente gli 86 voti parlamentari per raggiungere la maggioranza in Parlamento.

E i cambiamenti devono iniziare da oggi:

Primo. Ordino che oltre 1 milione di famiglie che vivono in povertà e che consumano meno di 150 chilowatt al mese, a partire da oggi non pagheranno più le bollette elettriche. La luce sarà gratis nelle loro case. Siccome questa decisione comporterà maggiori costi per l’Ente statale, le grandi imprese consumatrici di energia riceveranno una aliquota di aumento nelle loro bollette per sovvenzionare la corrente elettrica che daremo gratis alle famiglie povere honduregne.

Secondo. Invierò al Parlamento la legge per sovvenzionare la benzina ed il diesel per ottenere una riduzione del prezzo dei carburanti.

Terzo. Al ministero dell’Educazione saranno assegnati fondi per permettere l’iscrizione e la frequenza gratuita alle matricole, mensa gratuita, mascherine e vaccinazioni gratuite.

Quarto. Con la Forza Armata lavoreremo e contribuiremo alla protezione dell’ambiente.

Quinto. Mai più permessi alle multinazionali per nuove miniere e per lo sfruttamento dei nostri minerali. Mai più concessioni per lo sfruttamento dei nostri fiumi, Parchi Nazionali e boschi.

Sesto. Giustizia per Berta Caceres e libertà e amnistia per i prigionieri politici dei moti di protesta.

Settimo. Anziani, disabili, indigeni, afrodiscendenti e comunità LGTB avranno particolare attenzione nel mio governo.

Ottavo. Approvare una legge di condanna per i colpevoli del colpo di Stato che interruppe il filo costituzionale.

Nono. In questo 2022 si dovrà tenere la consultazione popolare per il cambio della Costituzione.

Decimo. La nostra politica estera sarà dei cittadini, sovrana, centroamericanista, latinoamericana e solidale. Appoggeremo il multilateralismo e la complementarietà.

Hasta La Victoria Siempre!”

Traduzione di Rete Solidarietà Rivoluzione Bolivariana.

Il discorso completo della presidente socialista honduregna Xiomara Castro in diretta tv si può ascoltare al seguente link https://youtu.be/_my9nRpXTZY</