Questa è la seconda parte del nostro colloquio con Ilhan Sami Comak, che è stato in prigione negli ultimi 27 anni. Ilhan ha scritto otto libri di poesia. Nella parte 1 dell’intervista, descrivendo la sua situazione, Ilhan scrive:

Le prigioni devono essere state costruite per porre dei confini intorno al corpo, agli occhi e all’anima. Ma sono ancora fortunato: abbiamo dei pappagallini e poterli toccare è un’ancora di salvezza che disseta la mia sete in questo deserto di cemento. E’ un po’ contraddittorio che la mia compagnia sia costituita da uccelli, noti per la loro assenza di confini. Ma d’altra parte, il fatto che ricordino la libertà li rende i compagni perfetti e mi dà molto piacere.

Di Jhon Sanchez

La Corte europea dei diritti dell’uomo si è pronunciata a suo favore. Tuttavia, come dice Ilhan, “per sei anni, il mio fascicolo è stato alla Corte costituzionale turca dopo un’istanza della Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) nel 2014. Attendo una risposta ai miei appelli, ma persistono nel loro silenzio”. E anche se Ilhan e la sua squadra legale avevano cercato di dimostrare la sua innocenza, scrive:

I fatti non sono così importanti per i potenti. Essi sono determinati a intimidire le persone affinché accettino le loro parole come verità. Ecco perché in questo paese esistono dei tribunali: essere la mano che unisce le parole dei potenti, protendersi con impunità per prendervi alla gola e soffocarvi gettandovi in una cella, una mano che sopprime i desideri democratici e legittimi, impone la disciplina e tiene tutti in linea con questo tipo di punizioni. Come curdo, questa è stata la mia realtà fin dalla nascita.

Per leggere la parte 1 dell’intervista clicca qui #Freethepoet

JS: Ho letto le poesie che ho trovato disponibili in inglese, soprattutto sul sito web, Free the Poet İlhan Comak, sponsorizzato da PEN Norvegia, ma puoi descriverci la tua opera letteraria? Numero di libri, temi, stile

ISC: Fino ad ora, ho avuto un sacco di articoli, recensioni di libri e interviste pubblicati su giornali e riviste. Anche così, posso dire assolutamente che il centro della mia opera letteraria è la poesia. Fin dall’inizio, la poesia è stata una mia passione assoluta, sapevo sempre che cosa volevo da essa. Perciò tutta la mia creatività è stata incanalata nella poesia.
Finora, otto libri della mie poesie sono stati pubblicati. E nel momento in cui farai questa intervista, un altro mio libro dal titolo: “Lasciando indisturbato il Nido delle formiche”, sarà stato pubblicato. Si tratta di un lavoro autobiografico che si concentra sulla mia prima infanzia e sulla mia poesia.

Per scrivere poesie in prigione, con tutte le difficoltà che comporta, devi prenderti sul serio. Tu sei la tua poesia. Inoltre, è vitale amare la poesia e avere la determinazione a persistere con essa. Devo aggiungere che scrivere poesia in prigione non è in alcun modo la stessa cosa che scrivere poesie e basta. Nel vuoto lasciato dalla rimozione di diverse opportunità di vita e possibilità, nelle privazioni dell’essere incarcerato, porta significati più radicati nelle emozioni, più alla pari con vita e più prevedibili, significati che rendono una persona più piena di affetto e comprensione di se stessa e degli altri, andando gradualmente oltre una forma di espressione. È come trovarti nel mondo familiare che tutti conoscono ma viverlo in modo completamente diverso.

A mio avviso, il motivo potrebbe essere questo: uso i miei poteri di immaginazione per scrivere poesie. E invece di gravitare verso la vita che ho perso o che mi è stata sottratta, gravito verso un mondo emozionale dove la bontà, la gentilezza, l’amicizia e l’amore sono sempre presenti, sempre in mente, fuori dalla portata della malizia che l’umanità ha cosparso. Ho cercato tutto ciò che è bello, tutto ciò che è favorevole all’umanità e alla natura. Questa ricerca è emersa dalla poesia, traboccando in me di sua spontanea volontà. Le parole che ho scritto – il bel regno caldo della compassione – sono state create da me, ma allo stesso tempo mi hanno portato ad emularli. O questo, o volevo essere come le cose che mancano da qui, le cose che volevo trovare.

Proprio come per altri aspetti della mia vita, cerco sempre di non compromettere l’autenticità quando si tratta di poesia. Cerco di presentare ciò che è in me ed evitare qualsiasi pretesa emotiva. Essere disconnessi dalla vita mi ha privato delle esperienze che possono darti una rapida educazione. Ciò ha significato che ho dovuto affinare la mia sensibilità, per avvicinarsi alla vita vivendo tutte le mie emozioni. Questo deve essere il motivo per cui mi rivolgo all’immaginazione, all’abilità e alla perseveranza più degli altri.

In realtà, non ho mai adottato uno specifico approccio o stile quando scrivo poesie. È vero che la mia poesia è generalmente lirica, ma è costruita intorno all’immaginario in egual misura. In realtà, non ho mai temuto che debba essere in un modo piuttosto che in un altro né ho cercato di limitarmi a definizioni specifiche. Le poesie hanno seguito il loro percorso e ancora lo fanno. La mia poesia cambia, entrambi cambiamo insieme. So che queste definizioni non si adattano esattamente alle poesie che scrivo oggi.

Ad essere onesti, non sono molto interessato alle definizioni. Lavoro alle mie poesie perché questo è il desiderio della mia anima e della mia mente. Mentre forse coscientemente scrivo la prima parola, in molti modi, non so dove andrà dopo. Posso vedere la poesia completa solo quando è finita. Mentre scrivo, cerco di non limitarmi. Cerco di non limitare la poesia con direttive mentali precise e specifiche. Perché quando ti sforzi troppo per trovare le parole, influisce sul poema – si finisce con qualcosa senza anima. Non posso aspettarmi che qualcun altro creda in una mia poesia se non credo in me stesso.

Io adotto una struttura fluida, disdegnando il controllo di ogni momento della poesia con un’idea preconcetta. Il mio approccio è più alimentato dalle emozioni, ponendo importanza al punto di vista del lettore e aprendogli uno spazio per esse. Ma questo approccio non è certo un difetto derivante dalla mancanza di attenzione. Confido nella mia capacità, che è stata perfezionata dopo aver lavorato incessantemente per tanti anni, e confido nella poesia stessa. Lavoro molto all’interno di questo mondo delimitato, circondato da mura, lavoro duramente per ascoltare la voce della poesia in tutto. È da qui che nasce la mia fiducia.

Uccelli, mare, cielo, acqua e fiumi, alberi e fiori, foglie, prati, pietre – queste parole si verificano frequentemente nella mia poesia. Essi formano la spina dorsale dei temi e delle immagini della poesia. Perciò la mia poesia si occupa delle cose che ho perso, della libertà stessa e del mondo naturale che ne deriva. Loro non si arrendo mai. Le cose che sono andate perdute, le cose che mancano, diventano i miei ospiti nella poesia, tutto il tempo accompagnato dal mio costante desiderio di trattenere un’altra cosa vivente, di essere senza dolore. Ovviamente, solo un aspetto è così. Nella totalità della mia poesia, potete anche vedere uno sforzo di guardare più ampiamente, di parlare di tutto ciò che riguarda l’umanità.

Questa mattina

Di Ilhan Sami Comak

 

Ti guardo la mattina

e taglio il salice piangente.

Germogli mormorii e sete di crescita.

ti guardo, disperderò le mie ceneri.

Esco , aggiungo soli ai raggi solari, cammino sui semi.

La creazione precipita su me, sulla punta delle dita

il silenzio leggermente ripristina l’equilibrio.

 

Sono in collina, spalla contro spalla

Il profumo della terra sollevato dalla pioggia

Al margine ci sono alcune parole lasciate indette.

Salto nel mistero della preghiera e.

ridi un po’, afferra la vastita’

della brezza – quanto le nuvole sono alte

Le radici guardano la terra e io a te.

Pettino i miei trasandati capelli

 

Marco il mio segno nel punto più lontano,

senti la risonanza del dolore, il flusso della riflessione dello specchio

La notte è nuda, le fiamme sono impazienti

Di manifestarsi Ho ancora qualche respiro rimasto Il mio corpo e’ stanco.

Ceneri di silenzio improvviso si alzano

e la creazione si blocca su di me.


İlhan Sami Comak (1973, Karlıova) è un poeta curdo di Bingöl, nella provincia di, in Turchia. Fu arrestato nel 1994. In carcere, Comak ha rilasciato otto libri di poesia e divenne uno dei prigionieri politici più longevi della Turchia. Nel 2018, Comak vinse il premio di poesia di Sennur Sezer, per il suo ottavo libro di poesie, Geldim sana (sono venuto da voi).

Caroline Stockford traduttore legale e letterario turco-inglese. Lei svolge il lavoro di consulente per la Turchia per LA PEN Norvegia.

Jhon Sánchez nato come scrittore di narrativa ,colombiano , Il Sig.Sánchez, arrivato a New York in cerca di asilo politico, dove ora è un avvocato. ‘nel 2021 , New Lit Salon Press pubblicherà la sua collezione di brevi racconti Una piacevole morte e altre storie che ti coinvolgeranno

Tradotto da Caroline Stockford