In Colombia proseguono gli omicidi politici sistematici di leader indigeni e sociali. Con Luis Picasio Carampaima i leader assassinati nel 2021 sono arrivati a 84, mentre sono 1.200 dalla firma dell’Accordo di Pace tra Stato colombiano e FARC, ha riferito l’Istituto di studi per lo sviluppo e la pace (Indepaz).

Il leader sociale Luis Picasio Carampaima è stato ucciso a Santa Catalina de Catrú, Comune di Alto Baduó. A darne la notizia è stato l’ufficio del Difensore Civico Regionale di Chocó, nel nord-est della Colombia.

Secondo Indepaz, il contadino è stato assassinato dall’Autodefensas Gaitanistas de Colombia (AGC), un’organizzazione irregolare paramilitare impegnata nel narcotraffico e in diverse altre attività criminali.

In seguito alla decapitazione di Picasio è stato costituito un comitato di protezione con rappresentanti dell’Unità per l’Attenzione e la Riparazione integrale delle vittime, il governo di Chocó, l’ufficio del procuratore generale e i leader indigeni.

Indepaz ha anche riferito di scontri nella zona, nonché dell’incendio di diverse case nelle comunità. Il paese in cui si sono verificati gli eventi è stato anche storicamente destinatario dello sfollamento e del confinamento degli abitanti della zona alta del fiume Dubasa. L’Ufficio del Garante ha attivato un percorso di assistenza umanitaria per generare azioni di protezione e cura per le comunità della riserva di Catrú, Dubasa e Ankosó.

“Visti questi eventi, abbiamo disposto il trasferimento in zona di una commissione del Chocó Regional. Chiediamo anche la protezione della popolazione e che siano svolte indagini per trovare i responsabili di un crimine così efferato” – ha affermato il Difensore Civico Carlos Camargo Assis. “Accompagniamo e cerchiamo di essere sempre vicini alle comunità indigene, per lavorare per i loro diritti indipendentemente dagli ostacoli o dalle distanze geografiche” ha affermato.

Questo nuovo omicidio si verifica in concomitanza con la pubblicazione di un rapporto dell’Unità investigativa e d’accusa della Giurisdizione Speciale per la Pace (PEC), secondo cui la Colombia è il secondo paese con il più alto tasso di morti violente nel mezzo delle manifestazioni – il primo è la Birmania – registrando un morto ogni 36 ore.

Nello studio è stato possibile dimostrare che gli ultimi giorni di protesta hanno registrato il maggior numero di morti degli ultimi 44 anni: tra il 28 aprile e il 30 maggio gli effetti sui civili e il conflitto armato sono aumentati notevolmente.