Colombia chiama, l’Italia rimane in silenzio

14.05.2021 - Giulia Persico

Colombia chiama, l’Italia rimane in silenzio
(Foto di desinformemonos.org)

50 morti dall’inizio delle manifestazioni, centinaia di feriti, una vera e propria strategia di terrore messa in atto dalla forza di polizia colombiana. Le terribili immagini dell’arma Venom che spara lacrimogeni per le strade delle principali città colombiane non ci può lasciare indifferenti, specialmente se l’impresa che fabbrica Venom è la spagnola Vimad Global Service, che vede tra i suoi partner la Leonardo, impresa italiana partecipata al 30% dal Ministero dell’Economia e delle Finanze Italiano. Senza alcun dubbio sono affari Made in Europe.

Una repressione, quella di questi ultimi giorni, che vede vittime soprattutto i giovani, gli studenti, le giovani leaders delle Comunità Indigene come Daniela Soto. La futura classe dirigente.

Voci di indignazione, sulle sistematiche violazioni dei diritti umani, si sono alzate in questi giorni da parte del Premio Nobel  Adolfo Pérez Esquivel, secondo il quale “la violenza in Colombia è un pericolo per la democrazia del continente” e il Centro di Ricerca e di Educazione Popolare per la Pace dei Gesuiti a Bogotà chiede garanzie “per la vita ed il diritto alla protesta” ed esprime “indignazione di fronte alle gravi violazioni dei diritti umani che si stanno commettendo contro la popolazione i vari punti del Paese”.

Della scorsa domenica l’esortazione alla preghiera di Papa Francesco per la fine della violenza nelle città colombiane,  che si unisce alla mobilitazione dell’Arcivescovo di Cali, Monsignor Monsalve che “segue con profondo dolore i tristi e inaccettabili attacchi alla vita e alla sicurezza della Comunità Indigena” e afferma che “la vita è la strada!  Siamo tutti soggetti di diritti, doveri, bene comune e benessere! Protesta senza armi e dialogo per arrivare ad un accordo”.

Tra le tante dichiarazioni delle cancellerie Europee e della Unione Europea, si nota il silenzio dell’Italia, del suo Ministro per gli Affari Esteri e del Governo Italiano. La Presidente per il Comitato per il Diritti Umani – On. Laura Boldrini, l’On. Lia Quartapelle e l’On. Graziano Del Rio, hanno depositato un’interrogazione parlamentare per chiedere al Governo Italiano quali azioni intende porre in essere per chiedere allo Stato Colombiano di mettere fine alla repressione, garantire la libertà di riunione pacifica e avviare un dialogo con le rappresentanze sociali per fronteggiare la crisi economica e sociale del Paese. L’Eurodeputato Massimiliano Smeriglio si unisce in una lettera appello sottoscritta da decine di Parlamentari Europei.

Un silenzio pesante quello dell’Italia che ha pagato un contributo altissimo per il suo impegno per la Pace in Colombia: la morte di Mario Paciolla il giovane napoletano collaboratore delle Nazioni Unite, morto in circostanze non ancora chiarite e per il quale si è mobilitata la società civile italiane.

La Colombia sembrerebbe, per il Governo Italiano, un luogo non strategico. Nonostante tutto. Nonostante la morte di Mario Paciolla, nonostante le organizzazioni criminali colombiane siano fortemente intrecciate con quelle italiane, nonostante i corpi e le vite dei cooperanti italiani siano al servizio del popolo Colombiano.

Non basta. Così come non è bastata la morte di Giulio Regeni e la totale non collaborazione dell’Egitto nelle indagini, per impedire a Fincantieri di vendere le due fregate Fremm al Paese di Al-Sisi.

La vita e le sorti dei giovani colombiani che protestano in queste settimane e le storie di Giulio Regeni, Mario Paciolla, Ilaria Alpi e Nadia De Munari sembrano lontane tra loro, non è così, C’è un filo rosso che le lega: è quello della ricerca della verità sul traffico di armi, di contrasto alle economie criminali, della lotta per diritto alla terra, per il diritto al cibo e all’educazione emancipatrice e trasformatrice. Il diritto ad una vita degna, unico antidoto allo sfruttamento ed alla violenza.

Per tutti loro e per i nostri giovani impegnati nella costruzione della Pace in Colombia, l’Italia non può rimanere un giorno di più in silenzio. E’ il tempo di uscire dall’indifferenza, di riportare la politica nelle relazioni internazionali, prendere una posizione chiara su quanto sta accadendo in Colombia.

Il Governo Italiano deve raccogliere la visione profetica di Don Oreste Benzi e dare corso, partendo dalla Colombia, alla prima sperimentazione del Ministero della Pace, quale avamposto di riconoscimento della presenza italiana nelle aree di conflitto, in grado di superare le forze disgreganti e reagire alle spinte violente che scaturiscono dai conflitti sociali ed economici e dalle periferie dell’emarginazione. E’ necessaria la costituzione da parte del Ministro per gli Affari Esteri, di concerto con le Cancellerie Europee, di un tavolo di dialogo con le organizzazioni sociali colombiane per addivenire ad un concreto monitoraggio internazionale sul compimento degli accordi di Pace siglati nel 2016,  in particolare sulla riforma rurale integrale e diritto alla Terra, la sostituzione delle coltivazioni illecite e messa al bando delle fumigazioni.

Il Parlamento Italiano sospenda l’esame del Trattato di Libero Commercio tra Ue e Colombia e costituisca una commissione indipendente che indaghi sulla morte di Mario Paciolla e dia visibilità ai nostri giovani quotidianamente impegnati nella ricerca della Pace e della Giustizia Sociale.

Giovanna Martelli 

Deputata della XVII legislatura, impegnata in varie missioni in Colombia in collaborazione con la società civile italiana: Comunità Papa Giovanni XXIII, Osservatorio Selvas, Fondazione Pangea,  Nodo italiano della Comision de la Verdad.

Categorie: Diritti Umani, Opinioni, Sud America
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Racconti della Resistenza

Racconti della Resistenza

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.