Bruxelles: no alle “fattorie intelligenti” disconnesse dalla terra

20.04.2021 - Rédaction Bruxelles

Quest'articolo è disponibile anche in: Francese

Bruxelles: no alle “fattorie intelligenti” disconnesse dalla terra
(Credito d'immagine: Camille Vanoverveldt)

Lo scorso mercoledì 14 aprile 2021, ha avuto luogo il summit 2021 del CEMA (Comité Européen des groupements de constructeurs du Machinisme Agricole), #CEMAsummit 2021 [1]. Questo summit riunisce le lobby della produzione di macchine agricole e i rappresentanti politici dell’Unione Europea (UE). Un incontro al summit per promuovere la creazione di “Fattorie 4.0” o “Fattorie intelligenti”. Camille Vanovertveldt, membro di BoerenFaçade Paysanne, ci ricorda che: “Non c’è niente di intelligente in questa ‘smart technology’: scollegata dalla terra, è più usa e getta che sostenibile”.

 

Questo sabato, 17 aprile 2021, è la Giornata Internazionale delle Lotte Contadine. È un’opportunità per tutti i contadini di commemorare l’assassinio compiuto nel 1996 di 21 membri del Movimento dei Senza Terra (MST) a Pará, Brasile, da parte della polizia militare [2]. Da 25 anni lottano ogni 17 aprile per la sovranità alimentare, che è sinonimo di una politica agricola che favorisca l’autonomia dei contadini. #17April2021 #FoodSovereigntyNow

BoerenFaçade Paysanne, che si batte per la sovranità tecnologica degli agricoltori, vorrebbe utilizzare questi due giorni per denunciare l’eccessività delle fattorie 4.0. Fattorie scollegate dal suolo, dove l’alta tecnologia (GPS, droni, trattori controllati a distanza da un software alimentato dal 5G…) prende il posto dell’uomo. Queste macchine agricole intelligenti, imposte agli agricoltori dalla CEMA, sono impossibili da mantenere da soli, costano una fortuna e portano la gente a indebitarsi, fino al suicidio. Favoriscono ancora di più i grandi proprietari terrieri e spingono gli agricoltori a produrre sempre di più attraverso la concorrenza che creano tra di loro. Queste macchine cosiddette “intelligenti” rafforzano così la dipendenza degli agricoltori dalle multinazionali agricole, ma in più li rendono schiavi delle TIC (tecnologie dell’informazione e della comunicazione). Questa filosofia di “agricoltura intelligente” va di pari passo con la PAC (Politica Agricola Comune dell’UE), che la promuove attraverso un bilancio di 11 miliardi di euro. “Vogliamo davvero andare verso un mondo in cui la produzione del nostro cibo è condizionata da internet e dallo spiegamento di nuove reti?” si domanda Camille.

Oltre allo striscione di BoerenFaçade Paysanne, altre azioni degli agricoltori sono previste questo fine settimana in Belgio. Sabato chiediamo l’accesso alla terra nelle Fiandre e domenica ci incontriamo in Vallonia, a Frameries (Mons), per una piantagione di patate biologiche su un terreno occupato dall’agribusiness, #StopClarebout.

Maggiori informazioni sulla giornata internazionale delle lotte contadine in Belgio:

* Il sito web delle lotte contadine, www.luttespaysannes.be/spip.php?article240

* L’evento facebook, www.facebook.com/events/297116391830136

Traduzione dal francese di Raffaella Forzati. Revisione di Silvia Nocera

Note

[1CEMA Summit 2021 : https://bit.ly/3dcsR0J

[2La Via Campesina – Mouvement Paysan International : https://bit.ly/3wQTjF9

[3CEMA Summit 2021 : https://bit.ly/3dcsR0J

[4La Via Campesina – International Peasants Mouvement : https://cutt.ly/YvyaK5K

Categorie: Ecologia ed Ambiente, Economia, Europa, Regione
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Racconti della Resistenza

Racconti della Resistenza

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.