Coerenza ed efficienza: Aspirazioni e sfide dei Partiti Umanisti

06.01.2021 - Partido Humanista Internacional

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Tedesco, Greco, Ungherese

Coerenza ed efficienza: Aspirazioni e sfide dei Partiti Umanisti

Oggi, mercoledi 6 gennaio, ricorre l’83° anniversario della nascita dell’ideologo del Nuovo Umanesimo Universalista come corrente di pensiero, il filosofo argentino Mario Rodríguez Cobos, meglio conosciuto con il suo pseudonimo, Silo.

All’inizio degli anni Novanta, nel pieno dell’ascesa del neoliberismo anti-umanista, Silo ha approfondito la filosofia del Nuovo Umanesimo, la sua pratica politica e sociale, che ha preferito definire principalmente come atteggiamento e prospettiva di vita, che ha espresso nel Documento del Movimento Umanista, dal quale trascriviamo la sua introduzione:

“Gli umanisti sono donne e uomini di questo secolo, di quest’epoca. Riconoscono gli antecedenti dell’umanesimo storico e si ispirano ai contributi delle diverse culture, non solo a quelle che attualmente occupano un posto centrale. Sono anche uomini e donne che si lasciano alle spalle questo secolo e questo millennio e si proiettano in un mondo nuovo”.

“Gli umanisti sentono che la loro storia è molto lunga e che il loro futuro è ancora più ampio. Pensano al futuro, lottando per superare la crisi generale del presente. Sono ottimisti, credono nella libertà e nel progresso sociale”.

“Gli umanisti sono internazionalisti, aspirano a una nazione umana universale. Comprendono globalmente il mondo in cui vivono e agiscono nel loro ambiente immediato. Non vogliono un mondo uniforme, ma un mondo multiforme: multiforme nelle etnie, nelle lingue e nei costumi; multiforme nelle località, nelle regioni e nelle autonomie; multiforme nelle idee e nelle aspirazioni; multiforme nelle credenze, nell’ateismo e nella religiosità; multiforme nel lavoro; multiforme nella creatività”.

“Gli umanisti non vogliono padroni; non vogliono leader o capi, né si sentono rappresentanti o capi di nessuno. Gli umanisti non vogliono uno stato centralizzato, né un para-stato che lo rimpiazzi. Gli umanisti non vogliono che gli eserciti di polizia o bande armate li sostituiscano.

“Ma tra le aspirazioni umaniste e le realtà del mondo d’oggi è stato eretto un muro. È giunto il momento, quindi, di abbatterlo. Questo richiede l’unione di tutti gli umanisti del mondo”.

Così, Silo riafferma l’Umanesimo come patrimonio storico, ma anche come progetto futuro e come strumento di azione attuale.

In un mondo in cui la disuguaglianza e la povertà sono in rapido aumento, lui propone un umanesimo che contribuisce al miglioramento della vita, che affronta la discriminazione, il fanatismo, lo sfruttamento e la violenza.

In un mondo in rapida globalizzazione che mostra i sintomi dello scontro tra culture, etnie e regioni, propone un umanesimo universalista, pluralista e convergente.

In un mondo in cui i Paesi, le istituzioni e le relazioni umane si stanno destrutturando, presenta un umanesimo capace di promuovere la ricomposizione delle forze sociali.

In un mondo in cui si è perso il senso e la direzione della vita, si definisce che deve esistere un umanesimo capace di creare un nuovo clima di riflessione in cui la sfera personale non sia più irriducibilmente opposta alla vita sociale, e viceversa.

Silo propone che l’interesse sia la costruzione di un umanesimo creativo, e non di un umanesimo ripetitivo; un nuovo umanesimo che, tenendo conto dei paradossi del tempo, aspiri a risolverli.

Ed evidentemente tutte queste, che sono aspirazioni umanistiche, diventino sfide per i partiti umanisti.

Perché implica la rottura con il sistema di credenze che rispondono a un modello di potere globale violento, alienante, discriminatorio, escludente, schiavizzante e predatorio. Questo richiederà un progetto con molta profondità e numerosi compiti nel presente, al fine di sovvertire lo schema del potere.

Perché il modello di società che loro promuovono per noi, dicendo che è quello di generare ricchezza e progresso per tutti, nel profondo sappiamo che non è né solidale, né equo, né inclusivo, né democratico, tralasciando ampi settori della popolazione perché è stato progettato a beneficio delle grandi imprese.

Perché il sistema capitalista nella globalizzazione è stato progettato per imporre a livello mondiale forme politiche ed economiche che non rispettano le forme organizzative locali che non si adattano al loro progetto di espansione, trasformando ogni attività sociale in una merce e in un’opportunità di business.

Perché implica la sfida di costruire nuovi modi di fare politica, che siano inclusivi, partecipativi e trasparenti, che diano responsabilità, che svolgano la loro azione di fronte alla gente e voltando le spalle al potere economico.

Ed è qui che l’opera di Silo acquisisce una prospettiva storica trasformativa, perché comprende un’etica, una sensibilità, un impegno collettivo che nessun membro della società sarà escluso, né sarà reso invisibile.

Poiché il 2020 segna il decimo anniversario della nascita della Federazione dei Partiti Umanisti e più di tre decenni dalla nascita dei primi collettivi politici umanisti, è un buon momento per riflettere sulla nostra azione politica, sui risultati ottenuti e sulle forme che devono essere cambiate per far progredire l’umanizzazione del nostro ambiente immediato.

“La domanda è se saremo spettatori della vita o promotori di azioni che organizzino la trasformazione intorno a noi, veri trasformatori vitali che misurino e proiettino nelle loro azioni le conseguenze che produrremo in noi stessi e negli altri ”.

“Devi quindi assumere e dare una risposta di suprema e costruttiva ribellione per questo ambiente mutevole e in crisi e così la nostra proposta è l’azione che promuove la modifica simultanea personale e ambientale, quell’azione che provoca intenzionalmente il cambiamento e lo dirige con senso di futuro aperto, ampio, generoso, e così vedrai presto rinascere con forza nel cuore degli uomini e dei popoli, la luce della vita ”.

“La nostra proposta è l’allegra, risoluta e permanente Azione trasformatrice; l’Azione trasformatrice è piena di intenzionalità orientata al cambiamento umanizzatore di noi stessi, dell’ambiente che ci circonda e di tutta questa terra, la nostra terra”.

Silo (1989)

Team di coordinamento internazionale

Federazione dei partiti umanisti

Categorie: Comunicati Stampa, Internazionale, Pace e Disarmo, Politica, Questioni internazionali, Umanesimo e Spiritualità
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.