Il mondo ha un futuro?

21.12.2020 - Günter Buhlke

Quest'articolo è disponibile anche in: Tedesco

Il mondo ha un futuro?
(Immagine da Free-Photos via Pixabay | CC0)

L’autore del libro così intitolato fornisce una risposta ottimista alla domanda. Nel saggio vengono elaborati i suoi punti di vista e le sue esperienze di una lunga vita lavorativa come panettiere, addetto commerciale in Messico e Venezuela, direttore della commissione di pianificazione della RDT, membro del comitato di bilancio della Camera del Popolo, direttore di una cooperativa di edilizia abitativa e dirigente dell’Istituto Svizzero di Economia Aziendale.

Sì, ci si può aspettare un buon futuro al di là delle disuguaglianze e dell’irragionevolezza in ambito ecologico, se questo è ciò che gli elettori vogliono e se i parlamenti emanano le necessarie leggi quadro attraverso l’interazione democratica. L’azione da sola non basta. La volontà ha bisogno di obiettivi per un cambiamento umanista. Karl Marx ha valutato le tesi di Feuerbach scrivendo:

“I filosofi hanno interpretato il mondo in modo diverso, ma ciò che conta è cambiarlo”.

Questa scritta si trova nell’atrio dell’Università Humboldt di Berlino.

Avremo bisogno di tolleranza, modestia e ragione. Questo UNICO MONDO è nelle mani di tutti noi. L’uomo non può, in linea di principio, cambiare le leggi della natura, ma può compromettere il loro funzionamento danneggiando se stesso.

In linea con il tema, l’autore esamina la storia del passaggio, iniziato nel 1789, dal feudalesimo assolutistico alla democrazia repubblicana borghese, alimentata da visioni di libertà, uguaglianza e fraternità. La borghesia tedesca prende il potere in Germania 120 anni dopo, nel 1918, guidata dalla socialdemocrazia. L’uguaglianza e la fratellanza per la categoria dei lavoratori dipendenti è ormai quasi scomparsa dall’agenda politica delle leadership. I valori e le visioni non realizzate della Rivoluzione francese sono stati preservati dal Manifesto comunista e nei programmi dei partiti di sinistra. La conclusione dell’autore è che in circa 230 anni l’ordine capitalista non è riuscito a realizzare la giustizia sociale e a evitare le guerre.

L’autore osserva giustamente che è facile criticare il capitalismo in tutte le sue sfaccettature, ma infinitamente più difficile sviluppare alternative plausibili.

Le scoperte di Buhlke evidenziano che importanti valori della sovrastruttura sociale e dell’economia sono già stati sviluppati in vecchi ordini e sono adottati in sistemi alternativi, se non contraddicono la loro logica. Cita la gestione del credito e degli affari, la contabilità e il budgeting, la contabilità dei costi nella RDT come esempi positivi della continuazione di buone esperienze dell’ordine borghese nel campo economico. L’autore vede per il futuro un primato della politica, una democrazia partecipativa rafforzata e un’economia con tre forme di proprietà: statale/municipale, cooperativo e privato. Nessuna in posizione dominante. Il compito economico sarà quello di continuare a soddisfare le esigenze materiali, immateriali e finanziarie di tutti nel Paese. La priorità dell’attività economica non sarà quella di accumulare ricchezza monetaria per pochi, ma di sviluppare la democrazia nelle sue strutture e dare libertà all’attività imprenditoriale a beneficio della comunità. La visione di una vita dignitosa e del rispetto dei diritti umani si colloca nello spazio del futuro.

L’autore mette a confronto con molti dettagli le differenze di due modelli economici, la produttività del lavoro e i fattori trainanti della crescita futura. L’ecologia non viene dimenticata.

„Hat die Welt eine Zukunft?“

Buhlke fornisce suggerimenti dettagliati per modificare il sistema esistente nel quadro della democrazia elettorale. Egli ritiene che le possibilità del sistema giuridico di mantenere l’uguaglianza dei cittadini non siano ancora esaurite. Le riforme e le trasformazioni sono buone perché migliorano selettivamente le condizioni di vita. Tuttavia, non sono sufficienti a garantire nuove condizioni di qualità durature. Decenni di sforzi di riforma hanno aumentato il divario nelle condizioni di vita in Germania. La situazione non è migliore nei paesi industrializzati occidentali. I bilanci per la spesa militare e la difesa sono sempre al secondo posto tra le spese governative, limitando le opportunità per la salute, l’istruzione, la ricerca e la cultura. Il debito pubblico non lascia presagire un futuro dignitoso per le comunità dei paesi.

Nell’opera di Buhlke prevalgono le descrizioni dei processi pratici, mentre le considerazioni teoriche rimangono in secondo piano.

L’autore esamina il futuro con 40 punti di vista su importanti aree sociali, nei limiti della realtà. Il libro offre ai lettori idee per possibili alternative future.

Hat die Welt eine Zukunft?“, Günter Buhlke, novembre 2020, Verlag am Park, 194 pagine.

 

 

Traduzione dal tedesco di Thomas Schmid

Categorie: Economia, Internazionale, Politica, Umanesimo e Spiritualità
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.