8 dicembre di lotta e di futuro: presidio NoTav a Torino

05.12.2020 - Redazione Torino

8 dicembre di lotta e di futuro: presidio NoTav a Torino
(Foto di Valeria Chiabotto)

Il movimento NoTav organizza una serie di manifestazioni a Torino ed in Val Susa per ricordare i quindici anni dall’occupazione del cantiere di Venaus, avvenuta l’8 dicembre 2005.

Il filo rosso delle manifestazioni di quest’anno è la richiesta di potenziare la sanità pubblica, rilevatasi totalmente inadeguata a gestire l’attuale pandemia, riallocando in tal senso i nove miliardi di euro preventivati per il solo tunnel del TAV; una richiesta totalmente in sintonia con il Manifesto per la Società della Cura a cui il movimento ha aderito.

Il presidio torinese in piazza Castello è iniziato alle 11 con una serie di interventi che hanno illustrato le attuali rivendicazioni e le idee portanti del movimento che ha, tra le sue peculiarità, la capacità di trasformarsi e adattarsi ai tempi, caratteristica che gli ha consentito di sopravvivere a trent’anni di lotta contro interessi enormi.

Il progetto TAV Torino-Lione è una grande opera inutile, finanziata con soldi pubblici a scapito di altri investimenti pubblici che dovrebbero essere prioritari: lo status di opera inutile è certificato persino da uno studio della corte dei conti europea.

Il progetto TAV Torino-Lione è un crimine climatico e un pericolo sanitario a causa delle polveri sottili che genereranno dieci/quindici anni di cantiere e delle relative emissioni di CO2.

Risulta necessario cambiare un modello di sviluppo che privilegia l’interesse dei grandi gruppi economici ai danni della popolazione, dell’ambiente e della giustizia; tale modello sta alla base del progetto TAV così come sta alla base dello smantellamento dello stato sociale e dei crimini ambientali; interessi così grandi che coinvolgono le istituzioni, i mass media e persino i tribunali e possono essere contrastati solo da una grande ed informata mobilitazione popolare.

Nicoletta Dosio è intervenuta telefonicamente per ricordare che la lotta contro un sistema ingiusto a volte si paga di persona come è successo a lei, a Dana e ad altri attivisti NoTav. Ma la felicità di una vita coerente con i propri principi non ha prezzo.

Foto di Valeria Chiabotto

Categorie: Ecologia ed Ambiente, Economia, Europa, Fotoreportages, Politica
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.