Stato di emergenza in Bolivia. Gli incendi boschivi minacciano l’habitat indigeno

07.10.2020 - Associazione per i Popoli Minacciati

Stato di emergenza in Bolivia. Gli incendi boschivi minacciano l’habitat indigeno
Amazzonia boliviana, dipartimento di Pando (Foto di Jonathan Lewis, CC BY-SA 2.0)

Anche la Bolivia quest’anno è devastata da incendi boschivi particolarmente gravi. In tutto il paese è stato dichiarato lo stato di emergenza. Secondo i calcoli dell’organizzazione boliviana per la protezione dell’ambiente Fundacíon Amigos de la Naturaleza, tra gennaio e metà settembre 2020 circa 23.000 chilometri quadrati di foresta pluviale sono stati divorati dalle fiamme – una superficie pari a quella della Toscana. Ciò corrisponde ad un aumento del 42 per cento rispetto all’anno precedente.

Le comunità indigene dipendono da queste terre per il loro sostentamento ma per molto tempo non sarà più possibile vivere nelle e dalle aree bruciate. Inoltre, la poca acqua potabile disponibile, ricavata attraverso pozzi e pompe viene ora utilizzata per l’attività di spegnimento degli incendi.

Come in altri paesi sudamericani, gli incendi sono stati causati da un misto di cambiamento climatico e fallimento politico. Alcuni degli incendi hanno avuto origine in Brasile. Ma anche in Bolivia gli incendi sono stati appiccati per far posto all’agricoltura – il precedente presidente Evo Morales lo aveva reso possibile per decreto, tramite la pratica del “chaqueo”. Questo decreto è stato abrogato solo di recente. Ma il caldo, la siccità e i forti venti stanno ora contribuendo alla diffusione degli incendi che sono ancora lontani dall’essere sotto controllo. La rapida diffusione degli incendi sta rendendo difficile l’evacuazione delle popolazioni indigene dalle zone colpite mentre il fumo che si sviluppa causa malattie respiratorie tra la popolazione.

Tutto questo succede mentre la Bolivia, come altri stati sudamericani, subisce gli effetti della pandemia di covid-19 e in più si trova in un momento di crisi istituzionale, dopo le dimissioni forzate di Evo Morales, con una Presidente ad interim, Jeanine Áñez, e una data per le nuove elezioni presidenziali fissata al prossimo 18 ottobre. Il Tribunale supremo elettorale (TSE) aveva già spostato la data delle presidenziali una prima volta dal 3 maggio al 6 settembre e poi ancora al 18 ottobre 2020, ma anche su questa ultima data pesa proprio la difficile situazione sanitaria del paese.


 

Categorie: Comunicati Stampa, Ecologia ed Ambiente, Popoli originari, Sud America
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.