La difesa di Salvini strappa un rinvio a Catania, ma sulla Gregoretti era una scelta unilaterale e arbitraria

05.10.2020 - Catania - Fulvio Vassallo Paleologo

La difesa di Salvini strappa un rinvio a Catania, ma sulla Gregoretti era una scelta unilaterale e arbitraria
(Foto di ADIF)

Il Giudice dell’udienza preliminare di Catania ha deciso un rinvio per svolgere un’ulteriore attività istruttoria,  come richiesto dalla difesa dell’ex ministro dell’interno e dalle parti civili.  Il gup di Catania ha rinviato l’udienza preliminare di Matteo Salvini per il caso Gregoretti al 20 novembre, quando sarà sentito il premier Conte e l’ex ministro Toninelli, mentre il ministro degli Esteri Di Maio e la ministra dell’Interno, Lamorgese, il 4 dicembre. Le dichiarazioni dei sostenitori del leader leghista e dei suoi alleati rafforzano adesso il tentativo di caratterizzare come “politico” il processo nei confronti dell’ex ministro dell’interno, quando si tratta di accertare fatti penalmente rilevanti, sui quali il Tribunale dei ministri di Catania aveva puntualmente individuato responsabilità personali, che nulla hanno a che fare con il giudizio politico sulla vicenda, come i leader del centro destra ed media a loro disposizione tentano di fare credere.

Come avevamo previsto,  sulla decisione del Giudice dell’Udienza preliminare di Catania ha sicuramente pesato la prassi seguita anche dall’attuale governo che continua a ritardare l’ingresso nelle acque territoriali alle navi private che hanno soccorso naufraghi in acque internazionali, magari dopo che la Centrale operativa della guardia costiera (IMRCC) ha negato che si tratti di un evento di soccorso ricadente sotto la propria responsabilità. Salvini intanto ha dichiarato:”Sono contento che debba essere ascoltata anche l’attuale ministro dell’Interno Lamorgese e che le si possa chiedere: avete fatto qualcosa di diverso l’anno successivo? Perchè in decine di interviste si dice che l’iter è stato lo stesso, anche con una permanenza di 11 giorni, e non 4, in attesa di ricollocamento”. Sono tuttavia evidenti le condizioni in cui i naufraghi trascorsero i giorni a bordo della nave militare Gregoretti. La difesa di Salvini ha insistito molto sulle buone condizioni di “accoglienza” a bordo della nave, ma per la tipologia della stessa nave la maggior parte dei naufraghi era ammassata in spazi all’aperto.

Può essere nascosto soltanto da commentatori in mala fede il dato oggettivo che  la nave Gregoretti era (ed è) una nave militare italiana,  e che dunque i naufraghi trattenuti arbitrariamente a bordo si trovavano già in territorio italiano da quando erano saliti sulla nave, a differenza di quanto si è verificato nel caso delle navi delle ONG che battono bandiera straniera, e che vengono bloccate dopo avere effettuato soccorsi in acque internazionali. Tanto che tale differenziazione viene ripresa anche  dal Decreto interministeriale del 7 aprile scorso,  che pur presentando numerosi aspetti di illegittimità, non risulta applicabile al naviglio, privato o militare, battente bandiera italiana, Vedremo poi,  nel successivo processo Open Arms a Palermo,  come lo stesso Salvini abbia violato il diritto internazionale ed il diritto interno ordinando arbitrariamente il blocco dei naufraghi a bordo della nave Open Arms, di una nave appartenente dunque ad una organizzazione non governativa. Procedimenti che hanno origine e natura diversa che non consentono alcuna generica assimilazione. La Procura di Catania ha insistito sulla richiesta di proscioglimento del senatore Salvini. Già il 20 settembre 2019 il Procuratore della Repubblica di Catania, a seguito della trasmissione degli atti da parte della Procura della Repubblica di Siracusa e della successiva attività istruttoria, aveva chiesto al Collegio per i reati ministeriali presso il Tribunale di Catania di disporre l’archiviazione del procedimento iscritto nei confronti del Ministro dell’interno Matteo Salvini «per infondatezza della notizia di reato».

La richiesta di archiviazione ribadita oggi dalla Procura di Catania ha anticipato le tesi sostenute dalla difesa dell’ex ministro dell’interno, come se lo stato di diritto ed il rispetto delle leggi potesse piegarsi alle “istanze della maggioranza degli italiani”, come sostiene Giorgia Meloni, o come se la “difesa della sovranità, dei confini nazionali” fosse una ragione per eludere il rispetto delle norme stabilite a difesa della libertà personale. Chi sostiene che il processo Gregoretti abbia “natura politica” e che le scelte di Salvini sulla Gregoretti siano in sostanza insindacabili perché finalizzate alla “difesa dei confini”, come se questa potesse configurarsi come una causa di giustificazione, abdica alla sua funzione di magistrato indipendente e rimette alla polemica politica ed alle maggioranze nei sondaggi l’applicazione delle leggi dello Stato, un precedente gravissimo che mina alle fondamenta lo Stato di diritto e la Costituzione italiana. A sostenere l’accusa rimangono soltanto poche parti civili, perché nessuna delle ONG ha ritenuto di costituirsi in questo processo, ma saranno in tanti gli italiani che affiancheranno l’impegno delle parti civili a portare avanti l’accertamento di tutte le responsabilità penali, individuate dal Tribunale dei ministri di Catania, che non possono essere coperte da un generico mandato per difendere la “sovranità nazionale”, conferito dagli elettori all’ex ministro dell’interno.

Dalla prossima udienza del 20 novembre  saranno dunque sentiti a Catania, nell’aula bunker del carcere di Bicocca, il premier Conte e alcuni ministri del vecchio governo giallo-verde, ma anche di quello adesso in carica, come nel caso dell’attuale ministro dell’interno Lamorgese. In realtà le dichiarazioni che potranno rendere a Catania i politici chiamati in causa da Salvini sono già all’interno dell’atto di accusa predisposto dal Tribunale dei ministri di Catania, sul quale si è pronunciato lo scorso gennaio anche il Senato, concedendo l’autorizzazione a procedere ed escludendo la natura collegiale delle decisioni adottate sul caso Gregoretti.

Risulta peraltro agli atti del Tribunale dei ministri che già il 27 luglio 2019 la Centrale di coordinamento della Guardia costiera italiana (IMRCC) aveva richiesto al ministero dell’interno la indicazione di un POS (Porto sicuro di sbarco) richiesta che veniva respinta fino al 30 luglio 2019, per oltre tre giorni dunque. E quindi la decisione sullo sbarco o sul trattenimento delle persone che si trovavano a bordo della Gregoretti in quei giorni di luglio del 2019, mentre si svolgevano trattative con altri governi europei sulla destinazione dei naufraghi, era direttamente ed esclusivamente riferibile all’ex ministro dell’interno. Ed era una decisione che incideva direttamente sul rispetto del principio sancito dall’art. 13 della Costituzione in base al quale nessuna persona può essere privata della libertà personale per u tempo superiore alle 48 ore senza la convalida dell’autorità giudiziaria ( principio dell‘habeas corpus).

Già la Presidenza del Consiglio dei ministri aveva fornito ai giudici precise informazioni sull’esistenza di ordini del giorno relativi al caso «Gregoretti» trattati nelle riunioni del Consiglio dei ministri eventualmente tenutesi tra il 25 ed il 31 luglio 2019, riferendo che, nell’unica riunione tenutasi in data 31 luglio 2019, la questione relativa alla vicenda non figurava all’ordine del giorno e non fu oggetto di trattazione nell’ambito delle questioni «varie ed eventuali» nel citato Consiglio dei ministri, né in altri successivi.

Il tentativo della difesa di Salvini, che chiama in causa altri membri del governo, e persino membri del governo successivo, se costituisce un rinvio dilatorio rispetto alla decisione del giudice dell’udienza preliminare, potrebbe tuttavia offrire maggiore spazio per le attività di indagine e di denuncia comunque consentite alle poche parti civili che si sono costituite, che vanno sostenute da un largo consenso popolare, ma soprattutto potrebbe tradursi in un boomerang per l’ex ministro dell’interno quando gli altri ministri chiamati in causa ribadiranno la natura personale ed individuale delle scelte adottate sul caso Gregoretti dal titolare del Viminale.

Quale che sia la valenza che si vorrà attribuire al diritto internazionale del mare ed alle trattative intercorse con altri stati europei per la redistribuzione dei naufraghi ( rectius dei “richiedenti asilo”), nessun giudice potrà ignorare l’esistenza di un preciso obbligo in capo al ministro dell’interno che deve indicare tempestivamente alle autorità marittime le modalità dello sbarco dopo una operazione di salvataggio, conclusa addirittura a bordo di una unità militare battente bandiera italiana. La libertà personale è garantita dall’art. 13 della Costituzione e non può essere limitata al di fuori dei tempi e delle modalità previste dalla legge. La privazione della liberà personale di cittadini stranieri a bordo di una nave militare italiana non può diventare arma di ricatto su una trattativa internazionale, come è stato fatto nel caso Gregoretti, anche dopo che alcuni Stati europei avevano dato la loro disponibilità ad accogliere una parte dei naufraghi trattenuti a bordo della nave italiana.

La nave di soccorso può essere ritenuta un POS (Place of safety) temporaneo solo al fine del completamento delle operazioni di soccorso, ma le Convenzioni internazionali non autorizzano che possa diventare un luogo di trattenimento a tempo indeterminato dei naufraghi in attesa che le trattative tra gli Stati sul loro trasferimento, cosa ben diversa dal coordinamento ai fini del soccorso in mare, abbiano termine. Il principio di sovranità nazionale può essere certo salvaguardato dopo lo sbarco a terra ed il completamento dell’operazione di salvataggio in mare, nel rispetto delle leggi italiane e della normativa europea (come la Direttiva sui rimpatri 2008/115/CE e le Decisioni del Consiglio Europeo) che prevedono l’identificazione dei naufraghi con l’approccio  hotspot  (disciplinato in Italia dall’art. 10 ter T.U. 286/98 che riguarda precisamente “Disposizioni per l’identificazione dei cittadini stranieri rintracciati in posizione di irregolarità sul territorio nazionale o soccorsi nel corso di operazioni di salvataggio in mare) le procedure per l’accesso alla protezione, il trattenimento amministrativo, il respingimento o l’espulsione degli stranieri irregolari. Le attività di identificazione e dunque le procedure di trasferimento in altri paesi europei si possono avviare soltanto dopo lo sbarco dei naufraghi a terra. E questo la difesa di Salvini lo dovrebbe ammettere senza cercare di imbrogliare le carte con la “traduzione” dall’inglese di singoli termini isolati dal complessivo contesto normativo delle Convenzion che non permettono dilazioni dello sbarco per trattative sulla redistribuzione dei naufraghi. La privazione arbitraria della libertà personale dei naufraghi soccorsi da nave Gregoretti lo scorso anno si può ricavare già in base alla legislazione italiana vigente a quel tempo, e tanto dovrebbero fare i giudici. Una decisione su questo caso stabilirà il livello effettivo di rispetto in Italia dello “Stato di diritto”, da alcuni ritenuto ormai come un’ostacolo all’attuazione delle politiche di contrasto dell’immigrazione.

 

Categorie: Politica
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.

maltepe escort