Popoli indigeni minacciati dalla ripresa dei test nucleari

04.08.2020 - Associazione per i Popoli Minacciati

Popoli indigeni minacciati dalla ripresa dei test nucleari
(Foto di https://www.ilcambiamento.it/)

In occasione del 75° anniversario del bombardamento atomico di Hiroshima, l’Associazione per i Popoli Minacciati (GfbV) ha ricordato che i popoli indigeni stanno ancora soffrendo per le drammatiche conseguenze dello sviluppo della bomba atomica. In considerazione delle conseguenze catastrofiche dei test nucleari, l’organizzazione per i diritti umani ha definito irresponsabile che gli Stati Uniti prendano in considerazione la ripresa dei test nucleari. Chiunque abbia sperimentato come le potenze nucleari abbiano abusato delle popolazioni indigene come cavie per testare gli effetti delle bombe nucleari può solo considerare la discussione su un nuovo inizio dei test nucleari come un puro cinismo. I test nucleari sono stati uno dei più grandi crimini contro l’umanità e l’ambiente dopo la seconda guerra mondiale. Le discariche di scorie nucleari che ne deriveranno continueranno a rappresentare un grave pericolo per tutta l’umanità ancora per migliaia di anni.

Soprattutto nelle isole del Pacifico, le popolazioni indigene soffrono ancora delle gravi conseguenze sanitarie, ecologiche e sociali del colonialismo nucleare, ha dichiarato l’APM. Ma anche nello Xinjiang, nel nord-ovest della Cina, in Kazakistan, Algeria, Australia e nell’ovest degli Stati Uniti le popolazioni indigene e le minoranze hanno pagato un prezzo elevato per la corsa agli armamenti nucleari. Migliaia di persone sono morte prematuramente a causa delle conseguenze delle radiazioni o della distruzione dei loro mezzi di sussistenza. Alla maggior parte delle vittime dei test nucleari è stato negata la possibilità di conoscere i retroscena delle loro malattie fino alla morte. Oggi, il comportamento cinico delle potenze nucleari nei confronti dei propri popoli sarebbe definito un crimine contro l’umanità, ma questi crimini non sono mai stati puniti legalmente. La maggior parte dei sopravvissuti è ancora in attesa di un adeguato risarcimento per le loro sofferenze e per l’ambiente distrutto.

Solo nel luglio 2020 la Francia ha reso nuovamente più difficili le condizioni per il risarcimento delle vittime dei test nucleari. È scandaloso che anche 24 anni dopo la fine dei suoi test nucleari, la Francia non sia pronta ad assumersi la piena responsabilità della contaminazione degli indigeni Maohi e delle loro isole nel Pacifico del Sud. La Francia aveva effettuato 193 test nucleari tra il 1966 e il 1996 nei suoi territori d’oltremare nella Polinesia francese. Le isole di Moruroa e Fangataufa sono ancora oggi considerate un rischio per la sicurezza a causa delle grandi quantità di scorie nucleari.

Sulle isole Marshall nel Pacifico nord-occidentale, controllate dagli Stati Uniti, la radiosa eredità atomica è ancora oggi una pesante ipoteca. Gli indigeni accusano il governo degli Stati Uniti di aver deliberatamente nascosto alla popolazione dell’isola informazioni sulla loro esposizione alle scorie nucleari. Gli indiani sono stati reinsediati più volte con false indicazioni e quindi esposti alle radiazioni. Ora le Isole Marshall stanno esercitando pressioni sul governo degli Stati Uniti per aumentare gli aiuti economici alla popolazione sofferente come compensazione. Il costo dei test nucleari per l’umanità è terribile. Chiunque ora consideri incautamente i nuovi test nucleari non dovrebbe ignorare le continue sofferenze delle vittime della corsa agli armamenti nucleari.

Categorie: Comunicati Stampa, Internazionale, Pace e Disarmo, Salute
Tags: , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.