La Corte Europea dei Diritti Umani contro la criminalizzazione della campagna Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni nei confronti di Israele

11.06.2020 - Riccardo Noury

La Corte Europea dei Diritti Umani contro la criminalizzazione della campagna Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni nei confronti di Israele
(Foto di https://bdsmovement.net/)

L’11 giugno la Corte Europea dei Diritti Umani ha stabilito che la condanna di 11 attivisti francesi della campagna Bds (Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni) nei confronti di Israele ha violato il diritto alla libertà di espressione.

Tra settembre e marzo 2010 gli attivisti avevano distribuito volantini all’interno di un ipermercato, invitando al boicottaggio dei prodotti israeliani a causa delle violazioni dei diritti umani commesse da Israele nei Territori palestinesi occupati.

Erano stati processati per “incitamento alla discriminazione” e condannati a una multa di 1.000 euro per il reato in sé e a 7.000 euro per danni. La Cassazione aveva confermato le condanne nel 2015.

La sentenza della Corte Europea afferma chiaramente che non possono essere applicate norme contro la discriminazione per colpire chi svolge campagne sulle violazioni dei diritti umani perpetrate da Israele nei confronti della popolazione palestinese.

Categorie: Diritti Umani, Europa, Medio Oriente
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.