Profughi di Afrin: accordi segreti tra Putin e Erdogan?

11.03.2020 - Associazione per i Popoli Minacciati

Profughi di Afrin: accordi segreti tra Putin e Erdogan?
(Foto di aesthetics of crisis via Flickr.com)

Voci, al momento non verificate, ipotizzano il trasferimento forzato dei profughi di Afrin.

Circa due anni fa, diverse centinaia di migliaia di persone provenienti  dalla regione di Afrin sono fuggite nella regione di Shahbah a nord di Aleppo, nella Siria settentrionale. Ora temono di nuovo per la loro vita, perché circolano voci su accordi segreti aggiuntivi al “Protocollo di Mosca” tra Putin ed Erdogan. Durante i loro colloqui a Mosca lo
scorso 5 marzo 2020, i due capi di Stato avevano concordato un cessate
il fuoco nella contesa provincia siriana di Idlib.

“Ci sono ora speculazioni nei media di lingua araba, compresi i social media, su un possibile reinsediamento forzato di almeno 125.000 sfollati da Afrin alla provincia siriana centrale, principalmente araba di Raqqa”, riferisce l’esperto della GfbV per il Medio Oriente, il dottor Kamal Sido. Si dice che la Russia abbia fatto appello all’autogoverno curdo nella Siria settentrionale per il reinsediamento dei rifugiati
curdi che vivono vicino ad Aleppo. I rappresentanti dell’autogoverno, tuttavia, hanno rigorosamente respinto l’ipotesi del reinsediamento. “L’autogoverno autonomo non può e non vuole reinsediare nessuno con la forza”, ha spiegato Sido dopo i colloqui con i rappresentanti curdi sul posto. “Tali piani di reinsediamento devono essere categoricamente respinti. I profughi di Afrin vogliono tornare alle loro case, non nel
deserto vicino a Raqqa”.

“In realtà, gli ufficiali russi continuano a dire ai manifestanti curdi davanti alle loro postazioni militari a nord di Aleppo che devono lasciare la regione”, ha detto Sido, che ha visitato per l’ultima volta la regione siriana settentrionale nell’aprile 2019. “La paura degli sfollati di Afrin non è quindi infondata”. Non sarebbe la prima volta che Putin ed Erdogan prendono accordi a spese della popolazione civile. I due capi di stato sembrano usare i profughi per ricattare gli altri paesi.

L’attacco della Turchia alla regione siro-curda di Afrin è iniziato il 20 gennaio 2018. 300mila membri della minoranza curda, così come Yezidi, cristiani e altre comunità religiose sono stati sfollati o sono dovuti fuggire. Da allora, la regione soffre l’occupazione delle truppe turche e delle milizie islamiste in violazione del diritto internazionale.

Categorie: Comunicati Stampa, Medio Oriente, Pace e Disarmo
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.