BREAKING COP25 – Extinction Rebellion e Minga in azione per l’Amazzonia: interrompiamo la distruzione!

10.12.2019 - Extinction Rebellion

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese

BREAKING COP25 – Extinction Rebellion e Minga in azione per l’Amazzonia: interrompiamo la distruzione!
(Foto di XR)

È tempo di #ProtectTheAmazon. Lunedì 9 dicembre Minga, l’alternativa delle popolazioni indigene alla COP25, e Rebels Beyond Borders di Extinction Rebellion hanno bloccato la strada che porta all’ingresso della COP25. Hanno anche installato una barca gialla, con le persone bloccate su di essa, in un atto di solidarietà per chiedere giustizia climatica ora per gli indigeni dell’Amazzonia, i guardiani della foresta che difendono la regione con più biodiversità del mondo.  

Scritte sul lato della barca gialla, ci sono le parole RIBELLI OLTRE IL CONFINE da un lato e dall’altro lato GIUSTIZIA CLIMATICA ORA nelle sei lingue ufficiali delle Nazioni Unite.

L’azione arriva dopo che due leader indigeni della tribù di Guajajara sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco e altri due indigeni sono stati feriti domenica 8 dicembre 2019 nello stato brasiliano di Maranhão, in un attacco vicino al luogo in cui un altro importante difensore indigeno della foresta è stato assassinato il mese scorso. 

Questo attacco ai guardiani della foresta che proteggono il loro territorio dalla deforestazione illegale fa parte di una strategia a lungo termine del governo di Bolsonaro per minare l’attuale protezione legale e aprire le terre allo sfruttamento da parte dell’agroindustria. 

Christian Poirier di Amazon Watch ha dichiarato: “In Brasile si sta verificando un genocidio istituzionalizzato delle popolazioni indigene. Vengono lasciati soli, vulnerabili a tutti i tipi di minacce e violenze “.

Sandro Kayapó, coordinatore Exec dell’APIB (Articolazione delle Popolazioni Indigene Brasiliane) parlando da Minga, l’alternativa delle popolazioni indigene alla COP 25, ha dichiarato: “Non è più tempo di discutere, dobbiamo efficacemente adottare una strategia di protezione territoriale. Abbiamo i nostri metodi, sappiamo come difendere le nostre terre. Siamo solo il 5% della popolazione, ma siamo i maggiori protettori della biodiversità brasiliana.”

Gli indigeni sono stati in prima linea nella resistenza per centinaia di anni affrontando omicidi, assimilazione culturale e genocidio in difesa della Madre Terra. Almeno 164 attivisti per la terra e l’ ambiente sono stati assassinati nel 2018 , un numero significativo dei quali erano indigeni .

Minga, l’alternativa delle popolazioni indigene alla COP25 e Rebels Beyond Borders di Extinction Rebellion – un raduno di ribelli di oltre 20 paesi, compresa l’Italia – chiedono ai delegati della COP25 di ascoltare i leader indigeni e  di agire subito per garantire la giustizia climatica . Hanno dichiarato: “Chiediamo ai delegati di condannare le azioni dello stato brasiliano, della lobby dell’agroalimentare brasiliana (Bancada Ruralista), nonché di altri governi criminalmente inattivi e delle società estrattive in tutto il bacino amazzonico per la loro complicità nell’ecocidio e nella distruzione della foresta pluviale amazzonica, per gli omicidi di difensori dell’ambiente e per l’assimilazione culturale e il genocidio dei popoli indigeni dell’Amazzonia.

“Come movimento di movimenti, chiediamo a ogni essere umano con coscienza di denunciare coloro che distruggono l’Amazzonia e di unirsi a noi per causare un danno economico ai governi e alle società responsabili e di chiedere la fine delle loro attività ecocide e genocide.”

Minga, l’alternativa delle popolazioni indigene alla COP 25

I leader indigeni dell’Ecuador, del Perù e del Brasile, insieme ai partner che lottano per la giustizia climatica, hanno partecipato a Minga, l’alternativa delle popolazioni indigene alla COP 25, che si è concentrata sulla cura e la protezione del clima. Il vertice ha coinvolto l’apprendimento, la discussione e la riflessione e si basa su una serie di proposte presentate alla Conferenza delle Parti (COP25), l’organo supremo del processo decisionale dell’UNFCC, la risposta internazionale ai cambiamenti climatici.

L’azione del 9 dicembre arriva pochi giorni dopo l’Associazione dei Popoli Indigeni del Brasile (APIB) ha pubblicato un annuncio sul Financial Times nel supplemento speciale COP . L’annuncio, reso possibile da un donatore anonimo e dalla partecipazione di Amazon Watch e Rainforest Action Network, chiama per nome i peggiori trasgressori che finanziano la distruzione dell’Amazzonia – in particolare nominando BlackRock , Vanguard, JPMorgan Chase, Santander, BNP Paribas e HSBC – e chiarisce che  “il destino dell’Amazzonia è il destino del mondo”.

Categorie: Comunicati Stampa, Ecologia ed Ambiente, Europa, Popoli originari
Tags: , , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.