Attivisti in azione a Bruxelles: “UE si impegni di più per contrastare emergenza climatica”

12.12.2019 - Greenpeace Italia

Attivisti in azione a Bruxelles: “UE si impegni di più per contrastare emergenza climatica”

61 attivisti di Greenpeace sono in azione a Bruxelles, dove hanno simbolicamente portato l’emergenza climatica nel cuore del potere politico europeo, prima del vertice odierno Ue sull’azione in materia di clima. La protesta arriva dopo la pubblicazione da parte della Commissione europea del Green Deal, un provvedimento non sufficiente a contrastare la crisi climatica in corso, e coincide con le fasi finali della conferenza mondiale sul clima, la COP25 che si sta tenendo a Madrid.

Dopo essere arrivati a bordo di un’autopompa rossa d’epoca, 28 scalatori si sono arrampicati sull’Europa building, il palazzo del Consiglio europeo, avvolgendo l’edificio con immagini di gigantesche fiamme rosse e gialle, creando nuvole di fumo bianco e nero, fiamme rosse e suonando un forte allarme antincendio.

Gli attivisti hanno aperto un grande banner con il messaggio “Climate emergency”. I 33 attivisti appostati ai piedi del palazzo hanno inoltre mostrato messaggi in diverse lingue, tra cui un invito in italiano rivolto alle istituzioni europee: “Emergenza climatica, soluzioni ora!”

«Il mondo è in fiamme e i nostri governi lo stanno lasciando bruciare. Non basta che si impegnino a favore di un’Ue neutrale dal punto di vista climatico nel 2050, quando i leader che si riuniscono oggi a Bruxelles avranno ormai lasciato le proprie cariche», afferma Jorgo Riss, direttore di Greenpeace Eu. «Quello che conta è infatti l’azione urgente che intraprendono oggi mentre sono al potere. L’European Green Deal è un punto di partenza ma i governi devono andare oltre. Ciò significa concordare un obiettivo Ue per le emissioni nel 2030 che sia in linea con la scienza, nonché porre fine ai sussidi per le imprese di combustibili fossili, passare velocemente al 100% di energia rinnovabile, investire in trasporti sostenibili e nel risparmio energetico, ripristinare il nostro ambiente, le foreste e gli oceani», conclude.

Secondo quanto previsto dall’Accordo di Parigi, i governi devono presentare piani climatici nuovi o aggiornati per il 2030 prima del vertice mondiale sul clima che si terrà a Glasgow nel novembre 2020. Questi piani devono impegnare gli Stati ad adottare misure per limitare il riscaldamento globale entro i 2°C di aumento medio, meglio se entro 1,5°C, al fine di evitare un vero e proprio collasso climatico. Un recente rapporto dell’ONU mostra che gli attuali impegni globali sul clima porteranno a 3,2°C di riscaldamento globale, mentre gli attuali obiettivi dell’UE porterebbero a 3°C di aumento. Per aumentare le possibilità di limitare il riscaldamento globale entro 1,5 °C, Greenpeace chiede all’Ue di aggiornare l’obiettivo di ridurre le emissioni di almeno il 65% (rispetto al 1990) entro il 2030.

Categorie: Comunicati Stampa, Ecologia ed Ambiente, Europa
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 24.01.20

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

Chiudiamo le pagine di chi spegne i sorrisi

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.