Patente di guida per immigrati non autorizzati in America?

20.11.2019 - Domenico Maceri

Patente di guida per immigrati non autorizzati in America?
(Foto di Office of Public Affairs via Flickr.com)

Kim Davis, un’impiegata della contea di Rowan County, Kentucky, si fece una certa notorietà nel 2015 quando sfidò una legge federale e si rifiutò di rilasciare licenze di matrimonio a coppie dello stesso sesso citando le sue obiezioni religiose. Adesso alcuni impiegati del Department of Motor Vehicles dello Stato di New York stanno seguendo la stessa strada, rifiutandosi di obbedire una nuova legge statale in vigore dal mese prossimo che permette anche a immigrati non autorizzati di ottenere la patente di guida.

Le obiezioni alla “Green Light Law”, la nuova legge che non richiede residenza legale negli Usa per ottenere la patente, hanno a che fare con l’idea che questi eventuali beneficiari abbiano commesso un reato entrando nel Paese senza autorizzazione. C’è anche la questione per cui questi individui potrebbero, con la richiesta di patente, anche iscriversi alle liste elettorali e alla fine votare illegalmente. Si tratta però di argomentazioni senza fondamento, come ci dimostra il giudizio della giudice del distretto di Rochester Elizabeth Wolford, la quale ha respinto una denuncia al riguardo, considerandola priva di basi legali. Altre denunce sono però già in corso, benché le loro possibilità di successo appaiano quasi impossibili. L’effetto della loro pubblicità, però, non si può sottovalutare poiché causa timore agli immigrati non autorizzati, i quali dovranno considerare se la loro richiesta di patente legale potrebbe causargli difficoltà con le autorità dell’immigrazione.

La legge di New York entrerà in vigore a dicembre del corrente anno e permetterà a immigrati irregolari di fare la domanda per la patente utilizzando come documento di identificazione un passaporto straniero o qualche altro documento di identificazione riconosciuto. Bisognerà anche che i richiedenti dimostrino la residenza nello Stato di New York. La legge è stata discussa a New York per due decenni. Infatti, nel 2007, l’allora governatore Eliot Spitzer tentò di implementarla mediante un’azione esecutiva che però fu poi rescissa, dopo tante proteste. Nel 2018 però, con la maggioranza democratica nello Stato e un governatore anche lui democratico, la nuova legge è stata approvata in parte anche per controbilanciare le aspre pratiche anti-immigrati dell’amministrazione di Donald Trump.

La nuova legge di New York non rappresenta una grande novità poiché simili leggi esistono in quattordici Stati, principalmente liberal ma anche conservatori, fra cui anche l’Utah. Spicca ovviamente la California, Stato-Nazione con 40 milioni di abitanti, 6 milioni dei quali senza autorizzazione legale per essere negli Usa. Queste patenti per immigrati non autorizzati differiscono da quelle regolari poiché consistono semplicemente in un permesso per guidare un’automobile legalmente e non sono valide per altri usi, come l’identificazione. Tipicamente includono un distintivo o chiarimento che spiega alle forze dell’ordine che la patente è valida solo per l’uso di un’automobile.

Perché dare la patente a individui che non hanno residenza legale negli Stati Uniti? Questi Stati hanno capito che tutti i residenti, con diritto di residenza legale o senza, vivono, lavorano, contribuiscono all’economia locale e statale e quindi la patente facilita la loro integrazione. Li aiuta anche a essere più produttivi poiché il trasporto agevola il loro progresso economico e arricchisce anche le casse del tesoro. La patente legale comporta l’obbligo di comprare l’assicurazione, fornendo protezione a se stessi e gli altri conduttori in caso di incidenti stradali. Incoraggia tutti gli automobilisti, anche quelli senza autorizzazione legale ad essere nel Paese, a conoscere le leggi stradali, rispettarle e in caso di incidenti non fuggire per paura di essere deportati. Incoraggia anche la collaborazione fra tutti i residenti e le forze dell’ordine, aiutando la polizia a identificare gli automobilisti.

Nello Stato di New York la nuova legge ha causato un conflitto fra la parte progressista dei residenti della metropoli e quella conservatrice del nord dello Stato. Riflette altresì il conflitto fra leggi locali e statali e quelle federali. A livello locale i governi negli Stati Blue (tendenti alla sinistra) fanno quello che possono per integrare tutti gli immigrati, vedendoli come risorse che aiutano l’economia locale. In non poche zone del Paese alcune piccole città non potrebbero rimanere vive senza i contributi di questi residenti.

Le azioni delle amministrazioni locali e statali sono divenute necessarie anche per l’inerzia del governo federale, responsabile della soluzione della questione immigratoria, tema nazionale. Si stima che in America vi siano fra 10 e 12 milioni di residenti privi di autorizzazione legale. L’amministrazione di Donald Trump ha messo in atto nei loro confronti un’aspra politica, che consiste nella deportazione degli immigrati irregolari ma anche nella limitazione dell’immigrazione legale. Gli enti statali e locali cercano di fare del loro meglio per affrontare la situazione difficile con risposte che non risolvono completamente il problema, ma almeno non lo aggravano. Offrire la patente a individui senza fedina penale fa parte di queste soluzioni.

Categorie: Nord America, Politica
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Racconti della Resistenza

Racconti della Resistenza

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.