Manifestanti a Quito: “Resteremo finché non ci sarà una soluzione”.

09.10.2019 - Quito, Ecuador - Redacción Ecuador

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo, Francese, Greco

Manifestanti a Quito: “Resteremo finché non ci sarà una soluzione”.
Rivolta indigena a Quito (Foto di Brenda Daney))

Quito. Nel pomeriggio di martedì 8 ottobre, mentre veniva emanato il decreto 888 che stabilisce, tra l’altro, il coprifuoco in tutto l’Ecuador dalle 20:00 alle 5:00, gruppi di diverse comunità native sono stati dispersi dal Parco El Arbolito e dal Parco El Ejido dalle forze armate con bombe a gas lacrimogeni sparate ad altezza uomo, dopo che diverse persone – donne comprese – erano entrate nelle strutture dell’Assemblea Nazionale.

Alzamiento indígena en Quito

Rivolta indigena a Quito

Alzamiento indígena en Quito

I giovani Juan Francisco e David erano lì. Sono arrivati a piedi da Cotacachi, provincia di Imbabura. Facevano parte di un gruppo di 80 persone che si sono avvicinate pacificamente alla porta dell’Assemblea Nazionale verso le 13:00 circa. Secondo loro, avvicinandosi, “i militari sono arrivati e hanno detto di essere dalla nostra parte, ci hanno accompagnato fino alla porta e lì hanno cambiato parte: ci hanno attaccato”. Tuttavia, in un secondo approccio “tre gruppi di persone sono riusciti ad entrare nell’edificio dell’Assemblea; i militari hanno lanciato bombe a gas lacrimogeno all’interno e le hanno fatto uscire tutte”. Verso le 16:00, sempre per strada, “sparavano le bombe a gas lacrimogeno sui nostri corpi; nel nostro gruppo ci sono stati dai 15 ai 20 feriti che sono stati curati dai paramedici”.

Alzamiento indígena en Quito

Alzamiento indígena en Quito

Il motivo per venire a Quito è chiaro: “Quello che vogliamo è che le misure economiche siano abrogate e che il presidente sia rimosso; non vogliamo che venga Correa, ma vogliamo persone nuove e preparate che sappiano come far progredire un Paese”.

Jaime, Irene e Andy partecipano per la prima volta ad una rivolta indigena: “Questa è la prima volta che veniamo a una dimostrazione: abbiamo sentito il gas, è stato orribile”. Sono arrivati a Quito lo stesso giorno in cui hanno avuto questa prima esperienza. Vengono da Cayambe, provincia di Pichincha.

Irene è una studentessa universitaria, viene da una famiglia contadina dove la madre è la principale responsabile del suo mantenimento. “Ciò che mi ha spinto a venire a Quito è l’economia: mia madre deve pagare molti debiti, trasporti, cibo; non avrà abbastanza soldi. Ora le hanno detto nella piantagione dove lavora che con queste misure economiche lo stipendio diminuirà. La città è rifornita da noi che veniamo dalla campagna; vogliamo che Lenín capisca che l’aumento dei prezzi ci riguarda: trasporti, cibo, affitto”.

Alzamiento indígena en Quito

Andy è una giovane nativa. E’ colpita dalla violenza che ha vissuto: “Noi veniamo come persone civili a comunicare per raggiungere un accordo, ma già cominciano a gettare gas, sorgono problemi, ci sono feriti”. Questo non la distrae dallo scopo della sua presenza a Quito, insieme alla sua comunità: “Resteremo finché non ci sarà una soluzione; se le cose continuano così è una cosa negativa per noi popoli originari”.

Alzamiento indígena en Quito

Jaime ha qualche anno in più di Irene e Andy. Anche lui sente la violenza; riflette su di essa e su quello che sta facendo il governo: “Abbiamo il diritto di protestare perché stanno facendo male le cose; siamo liberi, perché ci vogliono mettere alle strette? Siamo disarmati”.

Gli abusi da parte delle forze armate raggiungono picchi di violenza. Lo vedono e lo sentono coloro che sono in piazza a manifestare pacificamente: “Alcune madri sono con i loro figli nelle manifestazioni; la polizia lancia bombe, non gliene frega niente, non hanno rispetto…. hanno tutta la sicurezza e noi non abbiamo nulla, noi veniamo con una marcia pacifica per risolvere i problemi del paese.

(testo del tweet con video: Questo è accaduto alle 17:00 a #quito, hanno riferito da poco che dopo la repressione e l’intenso lancio di gas lacrimogeni da @PoliciaEcuador, il padiglione è stato sgomberato. #ParonationalEc @mariapaularomo @CIDH @nytimes @dw_espanol)

Mentre questo è l’atteggiamento e l’intenzione delle comunità che si sono recate a Quito, il Presidente Moreno trasferisce ufficialmente la sede del governo a Guayaquil e cede l’esercizio del potere alla polizia e all’esercito a Quito e nel paese, dichiarando lo stato di emergenza e il coprifuoco. José, un contadino di Imbabura presente anche a Quito, ritiene che “la decisione del presidente di attaccare il popolo non sia quella di un essere umano; dovrebbe cercare di farci sedere a un tavolo di dialogo per risolvere i problemi”. Dopo tante apparizioni nelle reti nazionali – molte preregistrate e poche in diretta – il governo sembra avere altre priorità.

di Jember Pico

Copertina: Brenda Daney – Foto: Walker Vizcarra – Video: Gato Villegas

Traduzione dallo spagnolo di Silvia Nocera

Categorie: Diritti Umani, Diversità, Economia, Giovani, Internazionale, Nonviolenza, Politica, Popoli originari, Questioni internazionali, Sud America
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.